La Commissione europea sceglie CPR System per il progetto Life Natura


FERRARA 7 LUGLIO CPRSYSTEM, l’azienda di Gallo (FE) leader italiana degli imballaggi a sponde abbattibili e riciclabili ha avuto l’onore di ricevere la visita di alcuni dirigenti della Commissione Europea – Direzione Generale Ambiente – Affari Internazionali, Life ed Eco Innovation tra cui il Direttore Generale Timo Makela e il Capo Unità Angelo Salsi e una rappresentante del Ministero dell’Ambiente Stefania Betti del Focal Point Nazionale, Life Più.La visita in CPRSYSTEM della Commissione Europea è motivata dal fatto che l’azienda di Gallo è stata titolare di un progetto Life Natura, dal 1999 al 2002, con risultati ambientali e risvolti socio economici particolarmente rilevanti.CPRSYSTEM oggi vanta una distribuzione capillare sul territorio con tre Centri di lavaggio all’avanguardia e 12 depositi dislocati in tutto il territorio nazionale, comprese le isole.Il circuito CPRSYSTEM associa tutta la filiera dell’ortofrutta a partire dai produttori ( 800 aziende di ogni dimensione) per giungere ai distributori e tra questi COOP, Conad, Pam, A&O, SAIT, SISA, Dao, Despar Calabria, Sigma, Gigante, Bennet e alle aziende di servizio.L’evoluzione dell’azienda negli anni e il capillare ampliamento della base sociale e delle movimentazioni ha consentito di raggiungere risultati eccellenti sia in termini ambientali che in termini di risparmio per le imprese e per l’intera collettività.Mettendo a confronto i sistemi adottati per la movimentazione dell’ortofrutta, secondo elaborazioni dell’Università di Bologna, CPRSYSTEM consente un risparmio totale quantificabile in 1,8 euro/movimento.Il risparmio di energia secondo le valutazioni effettuate dall’Università nel sistema CPR, è molto evidente perché il sistema a perdere richiede più di tre volte l’energia di CPRSYSTEM nel suo complesso.Per ogni tonnellata di ortofrutta distribuita, la sostituzione del sistema a perdere con quello in plastica riutilizzabile consente di diminuire di 100/ 150 euro i costi totali, riduce di 900 kilowat/ora il consumo di energia, riduce la produzione di rifiuti ( – 60/70Kg per tonnellata distribuita), si riducono le emissioni inquinanti e il consumo di risorse naturali( 100/150 Kg di legno in meno e 20-30.000 litri di acqua in meno).“La ricaduta del sistema sull’ambiente e sull’economia – dichiara Gianni Bonora – Amministratore Delegato di CPRSYSTEM è estremamente positiva ed è stata rimarcata dai Commissari dell’Unione Europea che hanno avuto l’opportunità, in questa giornata in CPR di seguire il percorso completo dei nostri imballaggi, dalla produzione alla distribuzione. Sono orgoglioso – conclude Bonora – per i risultati di una azienda che è nata dal nulla ma ha saputo interpretare i bisogni della filiera e dell’ambiente.” (nella fotografia i vertici dell’impresa con i rappresentanti della Commissione in visita in azienda)

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet