unindustria ferrara SI CONSOLIDA IL RAPPORTO TRA IMPRESE E UNIVERSITA’


ferrara 21 novembre Conferma del ruolo strategico dell’Ateneo per la comunità ferrarese, consolidamento del tecnopolo, sostegno alla ricerca, collaborazione istituzionale e marketing territoriale, tirocini formativi e stage, promozione delle buone pratiche. Sono questi alcuni dei temi al centro dell’incontro che si è tenuto nei giorni scorsi nella sede di via Montebello tra il Consiglio direttivo di Unindustria Ferrara e l’Università estense, rappresentata da Pasquale Nappi, Magnifico Rettore, da Francesco …. , Prorettore alla Didattica e il Direttore Amministrativo, Roberto Polastri.Un incontro che ha toccato tutti i temi del rapporto tra università e imprese, a cominciare dal riconoscimento del ruolo insostituibile, prezioso e diffuso dell’Università di Ferrara per il territorio. Un ateneo che deve essere sempre più forte, attraente per i nuovi studenti e per i ricercatori, in grado di mettere in campo attività innovative e utili alla comunità ferrarese.Grande sostegno, da parte di Unindustria, viene poi al tecnopolo e alla rete Alta tecnologia nella quale è inserito l’ateneo ferrarese. Un luogo strategico per sviluppare la collaborazione tra mondo della ricerca applicata e imprese, un’opportunità che non va sprecata, ma valorizzata e strutturata sempre di più.Nell’incontro è stato anche deciso di approfondire l’applicazione, anche a livello locale, dell’accordo tra Confindustria e Conferenza dei Rettori, che si è dato, tra gli obiettivi, quello di accrescere il numero di studenti che si iscrivono alle facoltà tecnico-scientifiche, di contribuire alla partecipazione italiana ai programma europei di ricerca e sviluppo, di concorrere alla riduzione dell’età di ingresso dei giovani laureati nel mercato del lavoro, di aumentare il numero dei percorsi di dottorato e di commisurarli alle esigenze reali delle imprese.Unindustria conferma la grande attenzione al tema dell’alternanza tra scuola e lavoro. L’obiettivo espresso nell’incontro è quello di ricercare insieme all’Università le migliori occasioni di collaborazione per ridurre ulteriormente il salto tra mondo dell’istruzione e del lavoro. Rendere questo passaggio più fluido, infatti, aiuterebbe sia i giovani per un più rapido inserimento, sia le aziende nei loro percorsi di reclutamento e investimento sul capitale umano. Per l’impresa infatti il capitale umano, i collaboratori, restano il patrimonio di gran lunga più importante sul quale investire.Un giudizio positivo è stato poi espresso sull’Associazione provinciale per l’Innovazione, costituito presso la Camera di Commercio e che riunisce le principali associazioni d’impresa, il Comune di Ferrara, la Provincia di Ferrara e l’Università, oltre ovviamente all’Ente Camerale. Secondo Unindustria si tratta di un organismo che sino ad ora ha dato un impulso importante nell’orientare le politiche della ricerca e dell’innovazione per favorire il trasferimento tecnologico. Un ruolo che va ulteriormente sostenuto, anche attraverso un coinvolgimento più stretto dell’Università di Ferrara.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet