fe 2076/2011 Paolo Saini, di Unindustria Ferrara, nuovo presidente di Confidi Romagna e Ferrara


ferrara 20 giugno Il ferrarese Paolo Saini, titolare di Sate Italia associata a Unindustria Ferrara e componente il Consiglio Direttivo della stessa Associazione, è il nuovo presidente di Confidi Romagna e Ferrara, che associa le piccole e medie imprese operanti nelle province di Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini e Ferrara, oltre che nel restante territorio della Regione Emilia Romagna. La nomina è stata ufficializzata oggi nel corso del consiglio del consorzio fidi. Paolo Saini dal 2005 era già membro del consiglio d’amministrazione di Confidi Romagna e Ferrara e, dal 2008, faceva parte del consiglio di sorveglianza di Fidindustria Emilia-Romagna.“Ringrazio il consiglio di Confidi Romagna e Ferrara per la fiducia che mi hanno espresso – ha dichiarato Paolo Saini – sono consapevole che il mandato che andrò a svolgere arriva in una fase delicata per l’economia del nostro territorio. Oggi, più che mai, le imprese hanno bisogno di un supporto concreto nel loro rapporto con gli istituti di credito, che negli ultimi anni, data anche la situazione di crisi e le nuove regole, hanno introdotto regole più rigide per la concesione del credito. Sono convinto che il ruolo dei consorzi fidi, oggi, abbia acquisito un’importanza ancora maggiore rispetto al passato e giochi un ruolo fondamentale per lo sviluppo dell’economia locale. Se prima, infatti, il ruolo dei consorzi fidi si svolgeva quasi esclusivamente nei confronti di aziende in difficoltà, oggi è molto importante supportare anche le aziende “sane”, svolgendo sempre di più un compito di “mediatori” tra le banche e quelle imprese, ad esempio, che necessitano di un sostegno finanziario per nuovi investimenti e per sviluppare nuove attività”. Non solo accesso al credito, ma anche servizi personalizzati per le imprese. “Spesso – continua Saini – il nostro compito è aiutare le imprese a capire come presentarsi nell’avanzare una richiesta di finanziamento. Oggi è fondamentale avere un progetto per il futuro dell’azienda, più che basarsi su quanto si è fatto in passato. Gli istituti di credito, infatti, nell’erogare il credito, hanno bisogno di basarsi su un credibile progetto di sviluppo per il futuro, oltre che di conoscere la storia e il passato dell’impresa. Per questo penso che il nostro ruolo sia quello di saper guardare bene le caratteristiche e le potenzialità delle aziende che si rivolgono a noi per capire di cosa abbiano bisogno. Non si tratta più solo di riqualificare un debito con un istituto di credito, ma di sostenere un’impresa che vuole crescere”.Sulla nomina di Paolo Saini interviene anche Roberto Bonora, direttore di Unindustria Ferrara. “Come Unindsutria Ferrara siamo molto soddisfatti della nomina di Paolo Saini al vertice di Confidi Romagna e Ferrara, un consorzio che ha assunto un ruolo sempre più importante negli ultimi anni. L’accesso al credito rappresenta un aspetto fondamentale per le imprese, impegnate negli ultimi anni in una profonda opera di aggiornamento e modernizzazione della propria organizzazione e della propria attività, per poter continuare a competere su un mercato globale sempre più difficile e dinamico”.L’attività del Confidi Romagna e Ferrara consiste nell’assistere e nel facilitare l’accesso al credito bancario delle piccole e medie imprese socie alle migliori condizioni, attraverso la prestazione di garanzie fideiussorie supplementari.

Per questo il Consorzio ha stipulato convenzioni con banche del territorio in grado di rispondere ai diversi bisogni finanziari aziendali, dal credito d’esercizio al sostegno degli investimenti, dalla ricapitalizzazione alla ristrutturazione del debito, dall’innovazione tecnologica allo sviluppo dell’export. 

Negli anni l’attività del Confidi Romagna e Ferrara è cresciuta sensibilmente grazie all’apporto finanziario delle Camere di Commercio e degli Enti locali delle province di Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini e Ferrara che contribuiscono ad abbattere i tassi di interesse dei finanziamenti ed a rafforzare il patrimonio di garanzia dei Consorzi per favorire gli investimenti aziendali e concorrere così al rafforzamento della competitività del sistema produttivo.

In virtù della partecipazione a Fidindustria, le imprese socie del Confidi possono accedere a numerose altre opportunità di finanziamento a medio termine, oltre che alle agevolazioni del Programma Triennale Regionale per lo sviluppo delle attività produttive,

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet