Fca: Marchionne lascia, arriva Manley


E’ Mike Manley il nuovo amministratore delegato di Fca. E’ questa la decisione presa dai Cda, convocati d’urgenza sabato nel pomeriggio a causa del prolungarsi del ricovero di Sergio Marchionne, in ospedale in Svizzera dopo un intervento alla spalla. È stato John Elkann a convocare al Lingotto i consigli d’amministrazione di Fca, Ferrari e Cnh per nominare il successore. Mannley, classe 1964, inglese, era già a capo del marchio Jeep e Ram, brand specializzato nella produzione di pickup e van.
L’intervento al quale si è sottoposto Marchionne, da quanto si sapeva, non doveva essere nulla di grave, ma alla fine ha cambiato in fretta e furia le carte in tavola sulla dirigenza del gruppo dell’automotive. Marchionne, infatti, arrivato nell’allora Fiat nel 2004, avrebbe dovuto lasciare – cosa nota e annunciata – la guida di Fca il prossimo anno, in occasione dell’assemblea di Amsterdam. E avrebbe, per altro, mantenuto ancora l’incarico in Ferrari. Piani che non sono stati rispettati, scatenando così anche grande curiosità sulle sue reali condizioni di salute. Sergio Marchionne, 66 anni, lo scorso primo giugno aveva presentato il piano industriale del gruppo per il 2018-2022, il 26 giugno aveva presenziato alla consegna di una jeep ai carabinieri e poi era sparito dalla scena pubblica. Ora la svolta.

Dopo 15 anni finisce dunque l’era Marchionne. L’ex amministratore delegato lascia la guida di Fca ma dice addio anche alla Ferrari che vedrà un cambio al vertice. Il nome in pole position per l’incarico è quello di Louis Camilleri, 63 anni, nato ad Alessandria d’Egitto da famiglia maltese, una vita nell’industria del tabacco ma già presidente del cda della scuderia di Maranello. John Elkann è presidente.

“È con profonda tristezza che vi devo dire che le condizioni di Sergio Marchionne, sono purtroppo peggiorate e non gli permetteranno di rientrare in FCA. Sergio è stato il miglior amministratore delegato che si potesse desiderare e, per me, un vero e proprio mentore, un collega e un caro amico” . Così scrive il Presidente di Fca John Elkan, a tutti i dipendenti.
Michael Manley, già responsabile del marchio Jeep, è il nuovo amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, Louis Carey Camilleri, fino al 2014 presidente di Philip Morris, membro del board Ferrari, è il ad di Ferrari, mentre l’inglese Suzanne Heywood, dal 2016 Managing Director di Exor, la nuova presidente di Cnh Industrial. E il dopo Marchionne, il manager che ha portato la Fiat nel futuro, apre scenari nuovi anche per Modena che conta oltre 6000 dipendenti nel gruppo Fca, senza contare l’indotto.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet