Il design ISIA al Salone del Mobile di Milano Paolo Ulian ha presentato un progetto made in Faenza


FAENZA 29 APRILE Nei giorni scorsi si è concluso il Salone del Mobile di Milano. E, in qualche modo, si è anche chiuso un viaggio iniziato un paio di anni fa nelle aule del’ISIA di Faenza. Difatti, fra gli eventi che hanno caratterizzato il Salone di questo anno c’è stata la mostra temporanea curata dalla ZAVA, azienda trevigiana specializzata nella produzione di lampade di design, che ha chiamato il gotha dei designers italiani a disegnare i nuovi prodotti. Nella locandina dedicata all’evento fa bella bella mostra di sé Arianna, prodotto cofirmato da Paolo Ulian e Caterina Di Michele. Il primo è il più importante designer italiano, la seconda è una studentessa dell’ISIA di Faenza.Arianna nasce, infatti, nel workshop tenuto da Ulian nel 2012 con gli studenti manfredi. Un progetto fortemente voluto dal direttore Roberto Ossani e sostenuto con entusiasmo dalla Banca di Romagna e dal suo direttore Francesco Pinoni. «Tutto è nato con l’idea di mettere in rete i saperi – spiega Ossani – e le conoscenze della nostra terra. Dove un mastro di bottega, Ulian, ha lavorato con gli studenti e, grazie all’interessamento di Banca di Romagna, nove aziende nostrane hanno ospitato e stimolato le idee dei nostri ragazzi». Arianna è nata utilizzando i semi-lavorati di scarto – questi i dettami del workshop uliano – della azienda FALC di Faenza. I lavori nati da questi sistema virtuoso erano già stati protagonisti della mostra «Tempi Supplementari», ospitata nel novembre 2012 nella sede centrale di Faenza della Banca di Romagna. Ora dal Salone del Mobile giunge un’ulteriore conferma della bontà della filosofia che muove l’università del design faentina. Piccoli passi che, alla fine del viaggio, ti portano in vetrina al Salone del Mobile di Milano.Per ulteriori informazioni: www.isiafaenza.it; www.zavaluce.it

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet