Falso Parmesan sequestrato a Parigi


Il Parmesan finisce tra i padiglioni espositivi del Salone Internazionale dell’Alimentazione a Parigi. E’ l’ultima provocazione con cui il Consorzio del Parmigiano Reggiano è stato costretto a fare i conti.
A poche ore dal via della kermesse il Consorzio ha chiesto l’intervento delle autorità francesi e ottenuto il sequestro di ben 7 prodotti riportanti o evocanti le denominazioni che appartengono in modo esclusivo alla Dop italiana. Si è ripetuta così, a distanza esatta di un anno, una situazione già riscontrata all’Anuga di Colonia, altro “tempio” dell’agroalimentare internazionale. Immediata e dura la reazione del Consorzio del Parmigiano Reggiano: “Paradossalmente – sottolinea il presidente del Consorzio Giuseppe Alai – anche in queste grandi vetrine internazionali si registrano forme di contraffazione e usurpazione del nome del nostro prodotto”. Proprio la Corte di Giustizia delle Comunità Europee aveva a suo tempo sentenziato che il termine “Parmesan” non è affatto generico e costituisce una evocazione della denominazione “Parmigiano Reggiano”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet