F150: il contenzioso tra Ford e Ferrari


MARANELLO (MO), 10 FEB. 2011 – C’è tensione tra Ford e Ferrari: Detroit attacca e Maranello risponde. "La sigla F150 (utilizzato come abbreviativo della denominazione completa Ferrari F150th Italia) non è né mai sarà il nome di un prodotto commerciale, non ci sarà certo una produzione di serie della monoposto, ma, come sempre nella storia della Scuderia, rappresenta la nomenclatura di un progetto di una vettura da competizione". Così il Cavallino ha replicato alla casa americana e alle sue accuse di aver copiato, per il nome della monoposto che parteciperà al prossimo mondiale, un marchio commerciale di un pick up della Ford.La scelta del nome che partecipa al mondiale di Formula Uno, spiega ancora Maranello, "é legata ad un ordine cronologico, a motivazioni tecniche o, in casi eccezionali, a particolari ricorrenze. Quest’anno è stato deciso di dedicarla ad un anniversario particolarmente significativo come il 150° dell’Unità d’Italia, la cui importanza ha indotto il nostro Governo a proclamare, solo per quest’anno, una festività nazionale". Per questi motivi, la Ferrari ritiene "che non si possa confondere la propria monoposto del prossimo campionato di Formula Uno con un qualsiasi veicolo di tipo commerciale, ovvero pensare che vi sia un legame ad altro marchio di veicolo stradale, e risulta pertanto davvero difficile comprendere quanto espresso dalla Ford". "A ulteriore riprova della buona fede e della correttezza dell’operato della Ferrari – conclude la nota – è stato deciso di eliminare e far eliminare in ogni sede la denominazione abbreviata e di utilizzare sempre quella completa di Ferrari F150th Italia".Secondo la Ford, che ha presentato denuncia davanti a un tribunale di Detroit, la Ferrari " ha usurpato il celebre marchio depositato F-150 annunciando una vettura da corsa di formula 1 denominata F150 e ha cominciato a fare la promozione". "F-150 – precisa la casa americana in una nota – è un marchio stabile e importante per Ford e il nome del suo modello di pick up più venduto nella serie di pick up serie F, il camion più venduto in America da 34 anni". Ma questo marchio, "duramente conquistato, è ora seriamente minacciato dall’adozione del nome F150" continua la Ford "Quando la Ferrari ha annunciato il nome della sua vettura da corsa, Ford ha chiesto (a Maranello) di cambiarlo. Ferrari non ha risposto a questa richiesta in modo sufficientemente rapido, senza lasciare a Ford altra scelta che intraprendere un’azione legale per proteggere questo marchio importante". Il contenzioso, insomma, sembra concluso dopo la decisione di Maranello di utilizzare unicamente la denominazione "Ferrari F150th Italia. Ma non bisogna dimenticarsi che la Ferrari appartiene al gruppo Fiat, che negli Stati Uniti con il marchio Chrysler è diretto concorrente di Ford sul mercato automobilistico americano. La saga dunque potrebbe continuare.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet