F1: radiazione annullata, Briatore torna in pista


5 GEN. 2010 – Sembrava che la fortuna gli avesse voltato le spalle, invece si era presa solo un anno di pausa. Una manciata di giorni dopo aver archiviato un 2009 da dimenticare, Flavio Briatore può infatti gustarsi la sua prima rivincita. Oggi pomeriggio il tribunale di Grande Istanza di Parigi ha giudicato "irregolare" la decisione della Fia, presa lo scorso 21 settembre, di squalificare a vita l’ex direttore della Renault. Che potrà dunque rientrare a testa alta nel circus della Formula 1, che lo aveva cacciato in malo mado solo pochi mesi fa. Flavio Briatore era stato radiato da qualsiasi attività nello sport automobilistico per il suo coinvolgimento nel caso detto ‘Crashgate’, l’organizzazione di un finto incidente che vide protagonista il pilota della sua scuderia, Nelson Piquet jr. nel Gran Premio di Singapore del 2008. L’obiettivo era quello di avvantaggiare il compagno Fernando Alonso , che grazie all’entrata in pista della safety car riuscì a vincere la gara. L’ex team manager era immediatamente passato al contrattacco, rivolgendosi alla giustizia francese per chiedere, oltre alla cancellazione della radiazione, anche un risarcimento di un milione di euro alla Fia. Ma se la prima richiesta è stata accolta, il tribunale di Parigi ha deciso di accordare a Briatore una somma di soli 15000 euro di danni ed interessi.Di molto inferiore alle aspettative anche il risarcimento di 5.000 euro concesso a Pat Symonds, ex direttore tecnico della scuderia Renault, che ne aveva chiesti 500.000. Anche Symonds era stato squalificato per il suo coinvolgimento nel "Crashgate", ma per soli cinque anni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet