Exposanità punta sulla prevenzione


Piccoli gesti in grado di cambiare il corso di una vita: questo, in estrema sintesi, il significato del termine prevenzione, un tema a cui Exposanità –  l’unica manifestazione in Italia dedicata al servizio della sanità e dell’assistenza che si apre domani mercoledì 21 maggio a Bologna Fiere – dedicherà un’intera sezione all’interno della fiera. Migliorare la qualità della vita attraverso l’assistenza, la prevenzione, la diagnosi precoce in un percorso che passa non solo nelle mani della sanità ma anche in quelle di enti locali e delle associazioni di volontariato, con implicazioni sociali, ambientali ed economiche per tutto il Paese. Per questo, presso il Centro Servizi, sarà allestita la Piazza della Prevenzione con personale specializzato e volontari delle unità mobili di alcune fra le associazioni che si occupano di prevenzione delle malattie non trasmissibili. Un’occasione importante per tutti i visitatori che potranno avere informazioni ed effettuare screening gratuiti su patologie quali il melanoma, il tumore alla tiroide, il tumore al seno, l’ipertensione, le malattie respiratorie croniche e il diabete.

Obiettivo Turchia per le imprese emiliano-romagnole della filiera sanità e salute. L’opportunita” arriva dalla presenza in regione, da domani a venerdì, di una delegazione di operatori turchi (buyer, importatori, distributori, rappresentanti di organismi sanitari, responsabili di catene ospedaliere private) guidata da un responsabile del ministero Turco della Sanità. Il programma prevede, domani a Bologna, un appuntamento alla fiera Exposanità, poi si prosegue con visite in aziende e centri di ricerca sanitari come l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna, il Centro protesi Inail di Vigorso di Budrio, Istec e Finceramica di Faenza, l’Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori (Irst) di Meldola, l’impianto di smaltimento rifiuti ospedalieri della Mengozzi di Forlì.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet