Export modenese, Agenzia Dogane con Confindustria


MODENA, 26 LUG. 2013 – Mentre l’export della provincia continua a crescere, Confindustria Modena e l’Agenzia delle dogane hanno firmato un protocollo d’intesa per sostenere con mezzi nuovi e più moderni il processo di internazionalizzazione delle imprese modenesi. Con le frime del direttore di Confindustria Modena Giovanni Messori e del direttore interregionale per l’Emilia-Romagna e le Marche dell’Agenzia delle Dogane Pietro Alidori, dal prossimo autunno l’agenzia di Campogalliano e l’associazione imprenditoriale organizzeranno seminari di formazione e offriranno un presidio fisso in cui le aziende del territorio potranno risolvere i dubbi e difficoltà operative legate alla loro presenza sui mercati. Il primo vero obiettivo di questo accordo è demolire il luogo comune che vuole l’ente doganale distante e preposto esclusivamente al controllo e al sanzionamento. "Niente di più sbagliato – esordisce Pietro Alidori – L’agenzia di Campogalliano deve diventare un fedele alleato per le aziende modenesi, un collaboratore con cui tracciare piani e strategie per presenziare nel miglior modo possibile i mercati internazionali".Di volta in volta, attraverso seminari di formazione e informazione, si entrerà negli aspetti tecnici della materia doganale: dalla definizione dello status di Aeo (Operatore economico autorizzato) alla descrizione degli strumenti Itv (classificazione doganale) e Ivo (origine), fino ad abbozzare le linee principali del progetto Falstaff. Ma al di là degli aspetti teorici e formativi, l’intesa raggiunta ha l’ambizione di offrire a tutte le aziende del territorio un presidio fisso (sia esso l’associazione sia esso la stessa agenzia di Campogalliano) con cui risolvere i dubbi, le incertezze e le difficoltà operative che quotidianamente all’interno dei loro stabilimenti si trovano a dover gestire. "Accogliamo in modo estremamente positivo la firma di questo accordo – afferma Giovanni Messori – Siamo certi che si tradurrà in un’ulteriore vicinanza tra imprese e Agenzia delle dogane. Il punto di partenza di questa intesa è una verità resa praticamente incontestabile dalla crisi dell’ultimo quinquennio: l’economia del Paese è fortemente dipendente dall’export. Vale per il sistema Italia ma a maggior ragione vale per un territorio a forte vocazione internazionale come il nostro". "Vogliamo dare nuovo impulso all’internazionalizzazione del sistema produttivo locale – sottolinea Pietro Alidori – Fare export non è più un’opportunità. Oggi è una necessità e per certi versi un obbligo. Con il protocollo appena sottoscritto vogliamo inaugurare una nuova stagione di collaborazione e sinergia con il mondo delle imprese e di chi le rappresenta". Negli ultimi due anni l’export della provincia di Modena è cresciuto del 12 per cento. E i settori che hanno pesato maggiormente sono stati quelli tradizionali: Macchinari (24 per cento), Mezzi di trasporto (24 per cento), Ceramica (16 per cento), Alimentare (10 per cento) e Tessile (8 per cento).Gli Usa sono diventati il nostro primo mercato di esportazione, al secondo posto la Germania. I mercati maturi dell’Unione europea detengono ancora una fetta importante del nostro export (37 per cento). Al contrario, i mercati emergenti sia vicini (Europa dell’est, Marocco, Medio Oriente) sia lontani (Cina, Filippine, Perù, Indonesia) non detengono ancora volumi elevatissimi ma percentuali di crescita mediamente elevate (+18 per cento).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet