Export, Emilia Romagna terza


Parte bene l’export nel 2014. L’Emilia-Romagna fa segnare un forte aumento delle esportazioni (+5,9%) nel primo trimestre dell’anno per un valore di 12.899 milioni di euro (inoltre sono salite al 13,4% dell’export nazionale). E’ quanto attestano i dati Istat delle esportazioni delle regioni italiane, analizzati da Unioncamere Emilia-Romagna. La performance regionale risalta ancora di più se si considerata che è molto più contenuto l’incremento delle vendite all’estero nazionali (+1,5%). L’Emilia-Romagna, evidenzia una nota di Unioncamere, è la terza regione per quota dell’export nazionale, preceduta dalla Lombardia (27,5%) e dal Veneto (13,5%). Nel trimestre, la Puglia registra la maggiore crescita delle esportazioni (+18,1%), mentre Molise (-19,8%) e Basilicata (-21%) accusano i cali più ampi. Con l’eccezione delle vendite all’estero della Lombardia, che sono rimaste invariate, l’andamento è risultato positivo, ma disomogeneo per le altre regioni che esportano maggiormente. L”export del Veneto ha segnato un aumento contenuto (+2,7%), mentre quello del Piemonte ha conseguito un incremento notevole (+6,9%).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet