Export, Bologna e l’Emilia-Romagna al top


BOLOGNA, 19 OTT. 2011 – Nel panorama dell’export italiano Bologna fa una bella figura. La provincia felsinea si piazza infatti al sesto posto, con una quota del 2,9% nell’intero panorama nazionale. A mettere in fila le aree del Paese è uno studio presentato durante il convegno di apertura del Biz Travel Forum 2011, organizzato a Milano da Uvet American Express per riunire i responsabili aziendali della mobilità con gli operatori del settore viaggi d’affari e turismo. A trainare le esportazioni è la provincia di Milano, con una percentuale, allo scorso 30 giugno, del 9,9%, seguita da Torino (4,7%), Vicenza (3,9%) Brescia (3,3%) e Bergamo (3,3%). Guardando ai dati regionali, l’Emilia Romagna si colloca al terzo posto (12,8%) dietro a Lombardia (28%) e Veneto (13,3%). Quanto ai viaggi d’affari, cuore del Biz Travel Forum giunto alla nona edizione, il 2011 dovrebbe chiudersi con una leggera crescita (+2%) nonostante anche un certo rallentamento nei mesi di settembre e nella prima metà di ottobre si registra un certo rallentamento. "Il 2011 – osserva Luca Patané, presidente del gruppo Uvet, polo distributivo nel turismo con un giro d’affari di 1,65 miliardi di euro – è stato un buon anno. Ci aspettavamo una crescita dei viaggi d’affari intorno al 4,5% ma il terremoto e il disastro nucleare di Fukushima così come la ‘primavera’ nordafricana hanno inciso più dell’1% sul mercato dei viaggi d’affari e adesso guardiamo con fiducia alla ripresa di questo fronte". Secondo i dati di Uvet Amex il terzo trimestre di quest’anno é andato leggermente meglio (+0,6%) rispetto l’analogo periodo del 2010. In crescita, le trasferte aeree internazionali (+7,1% rispetto al terzo trimestre 2010) e l’utilizzo del treno (+0,8%), grazie all’Alta Velocità.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet