Expo: Emilia Romagna regina food


Secondo Forbes siamo la regione in cui si mangia meglio al Mondo, letteralmente “un tesoro gastronomico”; secondo l’Unione Europea siamo l’area del continente col maggior numero di DOP e IGP; siamo inoltre – ed è la matematica a dirlo – i più grandi esportatori alimentari del Mondo, in costante e inarrestabile crescita; eppure i primati relativi ce li portano via tutti. A dirlo è lo studio realizzato a margine dell’Expo dal Bureau Van Dijk, tramite la piattaforma web Trade Catalyst, secondo cui l’Italia è medaglia d’argento in tutte le categorie. Nell’esportazione di vino ci batte la Francia, nell’olio la Spagna che pure rispetto a noi ha svariati problemi da risolvere sul fronte della qualità; nei dolci il gigante è il Belgio, e noi seguiamo a ruota crescendo fra l’altro del 5% annuo, mentre nelle pasticcerie di Bruxelles c’è aria di recessione; nei formaggi, a sorpresa, la prima esportatrice mondiale è la Germania; di quali formaggi si tratti, al momento, non è dato sapere. Facendo un paragone ciclistico, è come vincere una grande corsa a tappe senza tagliare mai il traguardo per primi, ma in fin dei conti poco importa: secondo Van Dijk l’Expo ha funzionato, non tanto come momento di sensibilizzazione sui drammi dell’alimentazione mondiale quanto come vetrina del Made in Italy che fa innamorare il mondo. Affascinante ed efficace la metafora dello scontrino pensata dal centro studi: su cento dollari di spesa alimentare in giro per il mondo, ben tredici confluiscono nelle casse italiane.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet