Errani: “Non lasceremo sola Nosheen”


BOLOGNA, 4 OTT. 2010 – Da Roma, dove si trova oggi, il presidente dell’Emilia-Romagna prende un impegno: "Non lasceremo sola Nosheen Butt". Gli assessori Carlo Lusenti e Teresa Marzocchi annunciano invece la visita all’ospedale di Baggiovara a Modena – dove la giovane modenese di origine pakistana è ricoverata dalla notte scorsa – per "stare vicino alla ragazza e portarle la solidarietà e il cordoglio, da parte del presidente e di tutta la Giunta, per la perdita della madre Begm Shnez", che secondo l’accusa sarebbe stata uccisa dal marito in una violenta lite che ha coinvolto il figlio Humair, arrestati ieri dai Carabinieri. "Siamo consapevoli delle difficoltà che si incontrano quando si vive a cavallo tra diverse usanze e culture, ma non possiamo accettare che la violenza prenda il posto delle parole, mai", ha sottolineato Errani parlando della tragedia accaduta ieri a Novi, nel modenese. "Alle seconde generazioni, ai tanti giovani che sono nati o cresciuti qui, voglio far sapere che i diritti e le libertà di cui parla la nostra Costituzione sono patrimonio universale, che appartiene a tutti noi. Da qui si può partire, insieme, per costruire una società più giusta. Per chi non riesce a rispettare il prossimo, per chi picchia una donna c’é la giustizia italiana. Anch’essa vale per tutti. A Nosheen Butt voglio dire fin da ora che non sarà lasciata sola".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet