ER, già impegnati 5 milionidi incentivi green


BOLOGNA, 11 APR. 2013 – Sfiorano già i 5 milioni di euro le risorse impegnate dalla Regione appena due settimane dopo l’attivazione del nuovo fondo rotativo di finanza agevolata per la Green Economy. Il fondo sostiene gli investimenti delle Pmi in efficienza energetica e fonti rinnovabili sia per la produzione che per l’autoconsumo, compresi quelli nelle tecnologie che riducono i consumi energetici da fonti tradizionali. Il fondo promuove inoltre la nascita di nuove imprese di Green Economy, incentiva gli investimenti per l’efficienza energetica dei processi o ridurre il costo energetico dei prodotti. La misura, cofinanziata dal Por Fesr 2007-13, è gestita dai Confidi Unifidi-Fidindustria e dispone di un plafond iniziale di 24 milioni, di cui 9,5 milioni sull’Asse 3 del Programma Fesr. "Abbiamo predisposto questo fondo – sottolinea l’assessore regionale alle Attività produttive, Gian Carlo Muzzarelli – coerentemente con le politiche d’intervento della Regione verso le imprese del territorio in tema di Green Economy, uno dei settori con i più ampi margini di sviluppo e crescita per il prossimo futuro. E la risposta del mondo produttivo regionale non si è fatta attendere, segno che, pur in un contesto profondamente segnato dalla crisi economica, la voglia di investire c’é e per questo abbiamo il dovere di essere al fianco delle imprese che creano lavoro e sviluppo di qualità". Ad oggi sono 23 le domande presentate al fondo (c’é tempo fino al 29 aprile), per 4 milioni e 943 mila euro di risorse impegnate, di cui 1.977.460 euro di fondi europei. Il fondo è operativo fino a esaurimento risorse. Un’ulteriore ‘finestra’ per la presentazione delle domande sarà nel secondo semestre dell’anno. Info: www.fondoenergia.eu, energia.regione.emilia-romagna.it e fesr.regione.emilia-romagna.it.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet