Entra a regime il progetto tra Unimore, Bper e Hpe-Coxa


MODENA, 24 NOV. 2011 – L’importante e innovativo accordo sottoscritto lo scorso febbraio tra la Facoltà di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e Banca popolare dell’Emilia Romagna con l’obiettivo di sviluppare un progetto triennale d’eccellenza finalizzato alla qualificazione delle migliori risorse umane, dei migliori “cervelli” della Facoltà dell’Ateneo modenese-reggiano è ora a pieno regime. Grazie al coinvolgimento di HPE–Coxa, azienda di progettazione e simulazione per settori automotive, motorsport, macchine automatiche, aerospaziale e difesa, è stato infatti possibile assicurare concretezza ad un progetto che consentirà nel tempo di riaffermare la centralità di Modena e del suo territorio per il comparto motoristico e tecnologico.Con un orizzonte temporale di tre anni sono stati attivati diversi progetti per la qualificazione professionale e la valorizzazione degli studenti più meritevoli, giovani ingegneri cui è stata offerta l’opportunità di essere inseriti nel mondo del lavoro in coerenza con le proprie aspirazioni e con il piano di studi sviluppato. Si tratta di un’eccellenza nel panorama della formazione post universitaria nel nostro Paese.L’accordo triennale – spiega il Direttore Generale di BPER dott. Luigi Odorici – si pone il più allargato obiettivo di assicurare positive ricadute al nostro territorio, confermando Modena quale capitale della Motor Valley italiana”.Così il prof. Giuseppe Cantore, Preside della Facoltà di Ingegneria ‘Enzo Ferrari’, commenta lo sviluppo del progetto: “Per me e per la Facoltà che presiedo è motivo di particolare orgoglio e soddisfazione vedere come ad alcuni fra i nostri migliori allievi sia stata offerta l’opportunità di inserirsi da subito in una importante realtà produttiva e di ricerca.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet