Emilia Romagna seconda regione per invenzioni


19 LUG. 2013 – Ingegno, creatività, innovazione sono i principali elementi che hanno permesso all’Emilia Romagna, nei primi tre mesi del 2013, di essere la seconda regione italiana per domande di invenzioni (291), dietro la Lombardia (420), e la terza per quelle di marchi depositati (1.376), dietro Lombardia e Lazio (2.726; 1.690). Questi i dati elaborati da Senaf, su base Uibm-Ufficio italiano brevetti e marchi che fa capo al Ministero dello Sviluppo Economico, in occasione del Salone della Proprietà industriale (Centro Congressi Palacassa, Fiere di Parma-30 settembre), una giornata dedicata all’informazione e all’aggiornamento delle aziende sui temi della tutela e della valorizzazione di marchi, invenzioni, modelli e disegni. E’ Bologna con 370 domande a guidare la classifica delle province più creative dal punto di vista dei marchi depositati seguita da Modena (212), Parma (148), Reggio Emilia (142), Forlì (140), Ravenna (124), Rimini (114), Ferrara (62), Piacenza (58), Cesena (6). Anche dal punto di vista delle invenzioni, la classifica delle province con maggior ingegno vede in testa Bologna (103); seguono Modena (66), Reggio Emilia (30), Parma (27), Piacenza (20), Ravenna (18), Rimini (11), Forlì (10), Ferrara (5), Cesena (1).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet