Emilia-Romagna, ridotti i consiglieri e i consorzi regionali


BOLOGNA, 22 APR. 2009 – I consiglieri regionali resteranno 50 anche nella prossima legislatura, che comincerà con le elezioni regionali del 2010. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato, in seconda e ultima lettura, la modifica dello Statuto che annulla l’aumento a 67 consiglieri previsto nel 2004, quando era stata rinnovata la carta costituzionale dell’Emilia-Romagna, e che sarebbe dovuto diventare effettivo a partire dal prossimo anno. Il voto in aula è stato all’unanimità – 40 i consiglieri presenti e 40 sono stati i voti favorevoli – come del resto era accaduto in prima lettura. In tarda mattinata, l’Assemblea legislativa ha approvato anche la legge regionale che in Emilia-Romagna riduce i consorzi da 16 a 8. Parallelamente a questa norma, gli assessori regionali Tiberio Rabboni (agricoltura) e Gian Carlo Muzzarelli (organizzazione) hanno siglato un protocollo d’intesa con sindacati e associazioni agricole sul personale delle Bonifiche. Nel processo di riduzione dei consorzi – ha dichiarato l’assessore all’agricoltura – è infatti prevista la "ricollocazione interna" dei dipendenti coinvolti nella riorganizzazione, che sarà comunque al centro di un Tavolo regionale dove siederanno i soggetti interessati per affrontare le problematiche che via via si presenteranno.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet