Emilia Romagna e Vietnam, nuova tappa


Nuova tappa della collaborazione tra l’Emilia-Romagna e il Vietnam, dove l’export della regione supera i 120 milioni di euro (in crescita le 617 imprese esportatrici del 2014). Regione e Unioncamere Emilia-Romagna avevano infatti sottoscritto nel 2013 un memorandum operativo con l’Ambasciata della Repubblica Socialista del Vietnam in Italia, per promuovere investimenti, trasferimento di tecnologie e collaborazione in ricerca e sviluppo. Recentemente, a Bologna, una delegazione guidata da Bui Hui Son, direttore generale di Vietrade, agenzia di sviluppo del Ministero Industria e Commercio del Vietnam, ha incontrato il segretario generale di Unioncamere Claudio Pasini, con Sonia Bonfiglioli (presidente gruppo Bonfiglioli) e Andrea Nannini (dirigente Datalogic) – due aziende bolognesi ben radicate nel Paese asiatico – Davide Pieri di Confcooperative e Rossella Zagnoli di Cna. Pasini ha anche partecipato alla commissione mista Italia-Vietnam riunita a Roma al Ministero dello Sviluppo economico, con il coordinamento del vice ministro Carlo Calenda e della vice ministro vietnamita Ho Thi Kim Thoa. “Con la prossima conclusione dei negoziati Fta (Free Trade Agreement con l’Europa) e Tpp (Trans Pacific Partnership) il Vietnam diventa ancor più interessante” per le imprese italiane – sottolinea Bui Hui Son in una nota di Unioncamere – e “l’Emilia-Romagna è all’avanguardia innanzitutto per il settore meccanico, ma anche l’agroindustria e il food”. Il Vietnam è in forte crescita e ha sempre più interesse in tecnologie e qualità che l’Italia e in particolare l’Emilia-Romagna possono offrire. “Il desk Emilia-Romagna in Vietnam, attivato a giugno – sottolinea Pasini – in questi mesi ha supportato diverse attività” e va consolidato a “vantaggio delle nostre imprese”.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet