Emilia Romagna al Salone del gusto


L’Emilia-Romagna al “Salone del gusto -Terra Madre 2016”, che si terrà a Torino da domani, 22 settembre, al 26 settembre prossimi e che, per la prima volta, sarà itinerante, aperto al pubblico e senza biglietto di ingresso.

La Regione e Slow Food Emilia-Romagna parteciperanno a questo importante evento internazionale dedicato alla cultura del cibo con un nutrito programma di iniziative nello stand istituzionale di 75 metri quadrati che ospiterà, nel Parco del castello del Valentino (Stand F173), degustazioni, laboratori e incontri organizzati in collaborazione con i Parchi regionali, Unioncamere e Apt servizi.

Ogni giorno, in particolare, saranno presenti allo stand produttori, artigiani, vignaioli e birrai della zona di riferimento per la mescita e il racconto del loro prodotto, laboratori gratuiti dedicati a pani e preparazioni tipiche del territorio protagonista della giornata, incontri con esperti, produttori e degustazioni a cura delle Condotte emiliano romagnole.

Diversi sono anche gli appuntamenti del “fuori salone” tra convegni, spettacoli teatrali e cene a tema dedicate a legalità, la lotta allo spreco e alle donne in agricoltura,, in collaborazione con il Consorzio del Parmigiano-Reggiano e Casa Artusi, Chef to chef ed Enoteca regionale dell’Emilia Romagna. Al centro del convegno “Su per Terra. Alla scoperta dei sentieri e dei mestieri di Terra Madre in Emilia-Romagna” (in programma venerdì 23) ci saranno le comunità dell’Appennino.

“La Regione, lavorando insieme ai produttori, alle associazioni e ai consorzi, con la partecipazione all’edizione di quest’anno fa un salto di qualità”, ha sottolineato l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, nel corso della conferenza stampa di presentazione a Bologna, cui hanno preso parte anche la presidente di Slow Food Emilia-Romagna, Raffaela Donati, la presidente di Apt Servizi, Liviana Zanetti, il segretario generale di UnionCamere Emilia-Romagna, Claudio Pasini, e la produttrice Elisabetta De Maria dell’azienda agricola Hortus Coeli.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet