Emil Banca ingloba Bcc Vergato e Banca di Parma


La terza incorporazione bancaria in un anno porta Emil Banca ad assorbire altri due istituti di
credito: dopo la fusione dello scorso febbraio con il Banco Cooperativo Emiliano, stavolta l’aggregazione ingloba la Bcc di Vergato e la Banca di Parma. C’è il via libera della Banca
d’Italia al progetto, e ora la parola passa alle assemblee degli istituti coinvolti nell’operazione, il prossimo 22 ottobre: in caso di parere favorevole dei soci la decorrenza sarà dal primo
dicembre. Al termine dell’aggregazione Emil Banca potrà contare su
47.300 soci e circa 155.000 clienti, di cui ben 22.380 aziende locali. Il patrimonio ammonterà a 341 milioni di euro, 105 milioni dei quali costituiti da capitale sociale, mentre i mezzi
amministrati raggiungeranno i 7,37 miliardi. Le filiali della banca saranno 89 e i dipendenti 734, senza che sia previsto alcun licenziamento, come ha affermato il direttore generale di
Emil Banca Daniele Ravaglia. “Quest’operazione è un altro importante passo anche verso la
razionalizzazione del Credito Cooperativo in vista della creazione del gruppo nazionale targato Iccrea, a cui tutte e tre le Bcc coinvolte nella fusione avevano già dato adesione”, ha
detto il presidente di Emil Banca, Giulio Magagni.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet