Emak, a settembre ricavi a 322 milioni


Il Consiglio di Amministrazione di Emak S.p.A. (MTA, STAR), società a capo di uno dei maggiori gruppi a livello globale nei settori dell’outdoor power equipment, delle pompe e del water jetting, e dei relativi componenti ed accessori, ha approvato i risultati consolidati dei primi nove mesi 2017.

Il Gruppo Emak ha realizzato nei primi nove mesi ricavi consolidati pari a € 322,2 milioni, rispetto a € 309,7 milioni del pari periodo dello scorso esercizio, in aumento del 4%. L’incremento è dovuto per il 4,4% (pari a € 13,8 milioni) all’ingresso nel terzo trimestre nell’area di consolidamento del Gruppo Lavorwash, all’effetto positivo dei cambi per lo 0,2% e ad un calo organico dello 0,6%.

L’EBITDA (*) ha raggiunto il valore di € 37,2 milioni (11,5% dei ricavi) rispetto a € 36,3 milioni (11,7% dei ricavi) dei primi nove mesi 2016. L’incremento del 2,4% del risultato del periodo è da ricondursi per la maggior parte alla crescita del fatturato, al favorevole mix ricavi tra i diversi settori operativi e all’effetto della variazione di area di consolidamento.

L’utile operativo è stato pari a € 27,8 milioni, contro € 26,7 milioni del pari periodo dello scorso esercizio.

L’utile netto dei primi nove mesi 2017 è stato pari a € 15,7 milioni, contro € 16,5 milioni del pari periodo 2016. Il risultato è stato influenzato dalla gestione cambi negativa, principalmente da valutazione, per € 3,4 milioni rispetto ad un valore positivo di € 1,6 milioni nei primi nove mesi 2016.

L’autofinanziamento gestionale (*) è stato pari a € 25,1 milioni, rispetto a € 26,2 dei primi nove mesi 2016.

Gli investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali effettuati nel corso dei primi nove mesi 2017 sono ammontati a complessivi € 11,1 milioni.

Il patrimonio netto consolidato al 30 settembre 2017 è stato pari a € 187,2 milioni contro € 181,7 milioni al 31 dicembre 2016.

La posizione finanziaria netta passiva si è attestata a € 120,6 milioni contro € 87,8 milioni al 30 settembre 2016 e € 80,1 milioni al 31 dicembre 2016. Sul dato al 30 settembre 2017 la variazione di area di consolidamento ha inciso per € 48,7 milioni.

Il segmento Outdoor Power Equipment è stato penalizzato nel corso dell’anno da condizioni meteo sfavorevoli, in particolare dalla siccità che ha influenzato la stagione dei prodotti per il giardinaggio. Per questo business sono previsti un piano di investimenti mirati a sostenere un’offerta di prodotti più ampia e più competitiva e un piano strutturato di riduzione dei costi. L’acquisizione del Gruppo Lavorwash, inserito nel perimetro di consolidamento da luglio 2017, apre interessanti prospettive di sviluppo del business Pompe e High Pressure Water Jetting, in particolare nel settore cleaning, grazie all’ampliamento della gamma, all’offerta più competitiva e di sinergie trasversali a tutto il Gruppo Emak. I buoni risultati ottenuti nel segmento Componenti e Accessori confermano la forza del Gruppo in questo business, dove anche in futuro continueranno gli investimenti in innovazione e completamento della gamma prodotti.

Sulla base dei risultati sin qui ottenuti, il Gruppo stima per l’esercizio un fatturato, a parità di area di consolidamento, in linea con l’esercizio precedente, a fronte delle stime di inizio anno di una crescita organica nell’ordine del 3%-4%. In aggiunta, il Gruppo potrà contare sul contributo positivo del Gruppo Lavorwash.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet