Edilizia, la sfida della sostenibilità


MODENA, 14 NOV. 2011 – Case ecologiche, urbanistica sostenibile, edifici che consumano zero o poco più. Questi i temi della Settimana della Bioarchitettura e della Domotica, kermesse che è iniziata oggi a Modena e che fino a venerdì 18 propone incontri su buone pratiche e su quanto di più avanzato esiste oggi per costruire o per recuperare quanto già c’è di edificato. A organizzare la Settimana è l’Aess, Agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile di Modena, che ospita questa quinta edizione nella propria sede, ovvero nella Casa Ecologica del Comune, in via Caruso 3.Principalmente interessati all’incontro che si è svolto oggi e a quello di domani sono i Comuni. Al centro del dibattito c’è infatti la riqualificazione del patrimonio edilizio pubblico: come fare a renderlo a basse emissioni di Co2, come si possono ottenere finanziamenti per procedere in tal senso e quali progetti già realizzati in Europa possono fare da esempio. Martedì 15 novembre sarà presente l’architetto altoaltesino Michael Tribus della Michael Tribus Architecture che presenterà la ‘scuola passiva’ a Bolzano: prima scuola elementare e materna in standard Casa Passiva. Il pomeriggio sarà tutto all’insegna della normativa regionale e nazionale in campo energetico: interverranno, tra gli altri relatori, Gian Carlo Muzzarelli, Assessore alle Attività Produttive della Regione Emilia-Romagna e Stefano Stefani del Servizio Politiche Energetiche della Regione Emilia Romagna.‘Riqualificazione sostenibile in ambiti urbani consolidati’: nel pomeriggio di mercoledì 16, dopo la presentazione da parte del Comune di Modena dell’esperienza condotta sul Villaggio Artigiano di Modena come opportunità di rigenerazione urbana sostenibile, rappresentanti di enti locali, ordini e collegi, scuole edili e associazioni di categoria si incontreranno per fare il punto e discutere di trasformazione e riconversione del nostro territorio.Atteso, per giovedì 17 novembre alle ore 17, l’appuntamento con il progetto architettonico di punta della città di Modena: il Museo Casa Enzo Ferrari’. Introdurranno la lezione magistrale Adriana Zini, Segretaria generale Fondazione Casa di Enzo Ferrari – Museo, Claudio Gibertoni, Presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Modena e Daniele Sitta, Assessore alla Programmazione e Gestione del Territorio, alle Infrastrutture e Mobilità del Comune di Modena. Luca Gibello, caporedattore del Giornale dell’Architettura, intervisterà poi Andrea Morgante, capoprogetto, responsabile della direzione artistica del Museo Casa Enzo Ferrari, architetto particolarmente attento ai temi della sostenibilità e dell’innovazione. A conclusione della Settimana, venerdì 18 novembre, due appuntamenti da non perdere: in primo luogo l’edizione 2011 del ‘Premio Sostenibilità’. “Il Premio – spiega Stefano Vaccari, Presidente AESS – ha coinvolto, quest’anno per la prima volta, progetti provenienti da tutta Italia. Nel corso della mattinata presenteremo e premieremo i 4 progetti vincitori e le 4 menzioni delle categorie Edilizia ex-novo, Ristrutturazioni-restauro e Urbanistica, che si sono distinti tra i 41 partecipanti per aver presentato le soluzioni più innovative dal punto di vista della bioarchitettura e dell’urbanistica sostenibile”. A seguire la presentazione dell’innovativo progetto ‘Med in Italy’, primo progetto italiano che parteciperà alle ‘Olimpiadi dell’Architettura Green’ di Madrid: una casa che produce 6 volte l’energia che consuma, può essere realizzata in due giorni e montata in otto, ideale per rispondere in modo rapido e sostenibile alle emergenze. Concluderà la manifestazione nel pomeriggio il seminario tecnico dedicato a come progettare e costruire edifici a energia quasi zero, nel corso del quale verrà presentato uno dei rari lavori svolti sul monitoraggio dei consumi energetici di edifici residenziali a più appartamenti, e condotto con metodo scientifico. L’esperienza riguarda edifici CasaClima costruiti in provincia di Modena da Abitcoop e monitorati dall’ Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile di Modena.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet