Edilizia, iscrizioni aperteper accedere alla “white list”


BOLOGNA, 5 SET. 2012 – Più controllo sulla legalità nel settore delle costruzione, meno lavoro nero e meno infiltrazioni mafiose. Obiettivi ambiziosi quelli che si pone la Regione Emilia-Romagna. Uno degli strumenti per raggiungerli è operativo da oggi. Si tratta dell’"Elenco di merito degli operatori economici nel settore edile", vale a dire una "white list" che raccoglie le aziende edili in regola dal punto di vista di vari aspetti, tra cui la documentazione antimafia, i contributi, i pagamenti ai fornitori ecc..L’elenco è previsto dalla legge regionale n. 11/2010 sulla legalità e semplificazione nell’edilizia pubblica e privata. L’iscrizione è volontaria, non soggetta a scadenza, e consentita a tutti gli operatori dell’edilizia in possesso di uno o più codici Ateco 2007 della filiera dell’edilizia. I requisiti e l’apposito modulo sono disponibili su questo sito selezionando il link ‘Elenco di merito’."Si completa così una tappa importante – afferma in una nota l’assessore regionale alle Attività Produttive, Gian Carlo Muzzarelli – del percorso iniziato con la legge regionale 11/2010 e consolidato con il Protocollo legalità sul terremoto, sottoscritto il 27 giugno scorso. La legalità – sottolinea – è un fattore centrale per rilanciare lo sviluppo. Si tratta di uno strumento per premiare le imprese virtuose".Oltre a verificare la comunicazione antimafia, si accerta la regolarità contributiva, il Durc, e l’assenza di protesti. Inoltre, impegna le imprese a garantire durante l’esecuzione dei lavori l’accesso degli organismi paritetici, all’iscrizione alla Cassa edile territorialmente competente rispetto all’ubicazione dei cantieri, ad applicare integralmente la contrattazione collettiva dell’edilizia e a trasmettere la notifica preliminare tramite il Sistema informativo costruzioni. L’elenco è stato realizzato anche con l’accordo e la collaborazione di Anci, Upi e Unioncamere. La lista delle imprese sarà pubblicata nel sito dell’Osservatorio regionale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet