Edilizia, 7 milioni di euro per la sicurezza delle scuole


BOLOGNA, 3 SET. 2013 – Sette milioni di euro di risorse straordinarie per la messa in sicurezza, la ristrutturazione e la manutenzione degli edifici scolastici in Emilia-Romagna, provenienti dal ‘decreto del fare’. La Giunta regionale ha approvato la delibera che assegna alle Province le rispettive quote per interventi immediatamente cantierabili, in particolare nelle scuole dove è stata censita la presenza di amianto. I 7 milioni sono stati assegnati all’Emilia-Romagna dal decreto legge 69/2013, che complessivamente ha destinato a questo scopo 150 milioni indirizzati alle diverse Regioni. "Con la delibera approvata oggi – ha spiegato l’assessore regionale alla Scuola, Patrizio Bianchi – la Regione ha attribuito alle Province la competenza a stilare gli elenchi degli interventi necessari, graduati in ordine di priorità nell’ambito delle Conferenze provinciali di coordinamento e tenuto conto delle diverse specificità territoriali". Le tipologie di intervento dovranno comunque rientrare nell’ambito delle tipologie di intervento individuate dal decreto. Il riparto alle Province è stato determinato in base al numero degli alunni iscritti e degli edifici scolastici presenti: Bologna 1.473.500 euro; Ferrara 548.100; Forlì 700.000; Modena 1.166.900; Parma 696.500; Piacenza 520.100; Ravenna 551.600; Reggio Emilia 854.700; Rimini 488.600.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet