Economia E-R: quadro in chiaro-scuro nel 2013


E’ un quadro di chiaro-scuri quello tratteggiato dal Rapporto sull’economia dell’Emilia-Romagna della Banca d’Italia. La prima parte del 2013 è stato estremamente negativo, poi si è registrata una ripresa nella seconda metà, trainata dall’export, che ha riguardato i settori di punta della nostra regione: alimentare, metalmeccanico e turismo. A pagare la crisi sono stati soprattutto i giovani: la disoccupazione nella fascia 18-34 anni ha ampiamente superato il 20%, e ha raggiunto quota 108 mila il numero di giovani tra i 18 e i 29 anni che non studiano, non lavorano e non si formano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet