Ecomondo parte da “più prodotto meno rifiuto”


Mai come in questo momento, con le città del nord Italia soffocate dallo smog, con il Po ai minimi storici per una siccità che non sembra voler finire, con il sud del paese distrutto dagli incendi, lo sviluppo green è di grande attualità. E “Più prodotto e meno rifiuto” è il concetto cardine della edizione 2017 di ‘Ecomondo’ e ‘Key Energy’, che punta a mettere a fuoco l’economia circolare, nuovo paradigma dell’economia green, sotto le insegne dell’Italian Exhibition Group. La manifestazione analizzerà in particolare l’efficienza dei processi e la riprogettazione dei materiali per renderli più durevoli, meglio riparabili e meglio riciclabili o valorizzabili a fine vita. “A Ecomondo – ha affermato il presidente del Comitato scientifico, Fabio Fava – sarà fatto il punto sulle criticità e lo stato di adozione della normative europee e nazionali del settore e presentate le priorità, le necessità e le opportunità della ricerca e dell’ innovazione nella valorizzazione dei principali rifiuti industriali ‘tecnici’ e ‘biologici’, ma anche nella riprogettazione dei prodotti e dei processi industriali, come nell’adozione dei principi dell’economia circolare nelle città, nella riqualificazione dei siti inquinati e nella gestione delle risorse idriche”.
ECOMONDO è la fiera leader della green e circular economy nell’area euro-mediterranea; un evento internazionale con un format innovativo che unisce in un’unica piattaforma tutti i settori dell’economia circolare: dal recupero di materia ed energia allo sviluppo sostenibile.

Nel settore della green e circular economy l’Italia è ai primi posti in Europa, in particolare nell’efficienza energetica, nel riciclo dei rifiuti e nella produttività delle risorse.
Per questo motivo, Ecomondo si posiziona nel panorama internazionale come appuntamento di riferimento per incontrare tutte le aziende leader di mercato, conoscere i trend, le innovazioni e le nuove tecnologie, confrontarsi con i professionisti del settore.
Appuntamento a Rimini dal 7 al 10 novembre.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet