Ecco la F12 Berlinetta,”una dolce melodia”


MARANELLO (MO), 25 LUG. 2012 – Debutta l’ultima nata in casa Ferrari. La F12 Berlinetta, capostipite della nuova generazione di V12 presentata all’ultimo Salone di Ginevra, non é più soltanto un sogno. E tra la pista di Fiorano e le strade delle colline Modenesi, dove questo coupé sta muovendo i primi passi, rinnova il fascino del Cavallino rampante. Erede della 599 Fiorano, questa nuova coupé vanta prestazioni da record. Da 0 a 100 chilometri orari in appena 3 secondi, 8,5 per raggiungere da fermo i 200 orari. Merito dei suoi 740 cavalli, 120 in più della sua antenata, con l’80% della coppia disponibile già a 2.500 giri. Il telaio e la scocca, composti da 12 differenti leghe di alluminio, ne riducono il peso di 70 chili. I vantaggi si misurano anche nei consumi – 15 litri di benzina ogni cento chilometri – e nelle emissioni, che scendono del 30%. Ispirata alla filosofia del ‘Fun to Drive’, abbina le prestazioni al comfort e alla sicurezza. Una supercar per qualsiasi guidatore, ma non per tutte le tasche. Da circa un mese, in Europa, è possibile ordinarla al prezzo base di 272 mila euro. Le consegne inizieranno a fine ottobre."L’ultima è sempre la migliore, ma per la F12 Berlinetta non è un modo di dire", assicura all’Ansa Dario Benuzzi, storico capo collaudatore della Ferrari che dal 1971 a oggi ha tenuto a battesimo tutti i gioielli a quattro ruote del Cavallino rampante. "Spinge che è una meraviglia. Ho iniziato a girare su quest’auto che era soltanto un telaio e un motore. Ho cercato di trasmettere ai tecnici, che hanno fatto un grandissimo lavoro, le sensazioni che percepivo al volante".E anche i giudizi dei due piloti di Formula 1 sono più che lusinghieri: "Guidarla è un’esperienza fantastica. Quest’auto è davvero bella, bella bella", sottolinea Fernando Alonso ripetendo per tre volte l’aggettivo. "Ha un motore davvero cattivo – aggiunge Fernando Massa – e il suo suono fa impressione". Guai a chiamare "rumore" il rombo del V12 aspirato. "Abbiamo dovuto accordare a lungo la macchina per arrivare a questo risultato – scherza Benuzzi – quella della F12 Berlinetta è una dolce melodia".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet