Ecco il Ferragosto di Mundus, tra fiati jazz e marcette travolgenti


REGGIO EMILIA, 14 AGO. 2009 – Saranno le note del trombone di Gianluca Petrella a Reggio Emilia, e le marcette dei Magicaboola Brass Band a Boretto a chiudere la rassegna di “Mundus e noi 2009”.IN PIAZZA FONTANESI UNO SPETTACOLO AI CONFINI TRA JAZZ, BLUES E NOISEGianluca Petrella, trombonista considerato tra i più dotati della scena jazz del momento, si esibisce la sera di Ferragosto, sabato 15 agosto (ore 21.30, ingresso gratuito), in un concerto dal titolo “Tubolibre”. Lo spettacolo, dedicato a Piazza Fontanesi, è realizzato grazie alla collaborazione del Comune di Reggio Emilia. Insieme a Petrella, a formare un esuberante quartetto, ci saranno Gabrio Baldacci alla chitarra elettrica, Mauro Ottolini al susafono (variante molto coreografica del basso tuba, mutuata dalla tradizione bandistica per la forte ergonomia e maggiore leggerezza) e Cristiano Calcagnile alla batteria.La particolarità di questo gruppo nasce dal contrasto che si crea tra i vari strumenti, ovvero dal ricercato e peculiare suono che scaturisce dalle differenti e atipiche combinazioni strumentali: tuba-chitarra elettrica e percussioni-trombone capaci di proporre quelli che – solo sulla carta – sembrerebbero improbabili incontri “africa & blues”, “noise sound” e “free dixie”, atmosfere rarefatte ed elettronica. Una sorta di straordinario e caleidoscopico calembour, capace di pescare nella tradizione ellingtoniana e di scivolare poi verso i territori cari a Hendrix. Il Tubolibre Quartet è la più recente formazione dal trombonista pugliese: un combo capace di unire il senso più vivo della tradizione con le sonorità più moderne e contemporanee. Il suo progetto musicale si apre a combinazioni sonore intriganti e alle contaminazioni con il ritmo e il “groove”.Chi è Gianluca Petrella. Ha suonato e collaborato con tutti i più importanti musicisti del panorama internazionale (da Pat Metheny a Ray Anderson e Roswell Rudd, da Carla Bley e Stefano Bollani a Paolo Fresu solo per citarne alcuni). Da anni tra i personaggi più in vista della scena jazz nazionale, i suoi progetti stabili lo hanno portato sui palchi dei festival, sia in Italia che all’estero: formazioni quali il quartetto Indigo 4 e il duo con Antonello Salis, il quintetto di Enrico Rava e il quintetto di Roberto Gatto. Gianluca Petrella ha vinto moltissimi premi internazionali. Tra i più importanti: il referendum Top Jazz (2001) della rivista Musica Jazz quale Miglior Nuovo Talento nazionale; il Django d’Or internazionale (2001), quale miglior talento europeo; il referendum Top Jazz (2005) della rivista Musica Jazz quale Artista dell’Anno nel Top Jazz. Nel 2006 è il primo artista italiano a vincere il celebre Critic’s Poll della rivista Down Beat. Nel 2007 vince il premio Eurodjango, quale European New Talent of Jazz, il Top Jazz come migliore strumentista dell’anno della rivista Musica Jazz, e, di nuovo, il Critic’s Poll della rivista Down Beat.PIAZZA SAN MARCO A BORETTO PRONTA PER L’INVASIONE DEI MAGICABOOLAFinale in pompa magna anche a Boretto per Mundus. La rassegna propone un altro travolgente concerto. Sabato 15 agosto alle 21 e 30 piazza San Marco ospiterà i Magicaboola Brass Band, gruppo di musicisti che suonano trombe, sassofoni, sousafono (uno strumento musicale che si vede spesso nelle esecuzioni all’aria aperta, e che avvolge interamente il corpo dell’esecutore), cassa, rullante, percussioni. Organizzato da Provincia, Assessorato Cultura, e Ater (Associazione Teatri Emilia-Romagna), nell’ambito della rassegna Mundus, lo spettacolo è a ingresso gratuito. Costituita da musicisti creativi, che spaziano tra differenti stili musicali, la band rilegge in chiave moderna la lezione di New Orleans e delle bande folkloristiche italiane mischiando stili come funk, jazz, blues e la musica popolare nelle sue infinite varietà: ogni passaggio è enfatizzato da una sorta di ballo improvvisato su una serie di canovacci prestabiliti. Pezzi e originali e celebri brani d’autore (Ray Charles, Bob Marley, Charlie Mingus, Herbie Hancock, Stevie Wonder, Ray Charles e Quincy Jones), saranno al centro di una performance dove è importantissimo il coinvolgimento del pubblico, che diventa parte attiva e fondamentale dello show. La band è stata vincitrice della terza edizione internazionale "Contest Of Street Bands; Fanfare and Street Music" svoltasi in Spagna. In caso di pioggia il concerto si terrà presso il Cinema Teatro Boiardo. Il festival Mundus, alla sua XIVa edizione ha visto il coinvolgimento di 5 Comuni del territorio reggiano (Reggio Emilia, Correggio, Boretto, Casalgrande e Scandiano) e del Comune di Carpi, per un totale di 27 serate che si sono svolte nelle bellissime cornici scenografiche dei palazzi storici, dei cortili e delle piazze della nostra provincia. Dal 27 giugno al 15 agosto, dunque, si sono alternate proposte musicali di gruppi ed artisti provenienti da vari paesi dell’Europa e del mondo (Francia, Argentina, Repubblica Democratica del Congo, Islanda, Somalia, U.S.A., Austria) oltre naturalmente alle sonorità care alla più forte tradizione musicale italiana. La Provincia di Reggio Emilia conferma, con questo progetto, la sua precisa volontà di proporre iniziative culturali di alto contenuto artistico caratterizzate dalla contaminazione tra i diversi generi musicali e capaci di valorizzare al meglio il territorio.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet