Due start up vincono Almacube


Sono Newrosparks e NEXTis4US le due startup vincitrici ex aequo dei sei mesi di incubazione gratuita che AlmaCube ha messo a disposizione nell’ambito della Start Cup 2016 – sezione AlmaCube. Ieri, martedì 11 ottobre, Alessandro Grandi, presidente di AlmaCube, l’incubatore startup e spin-off eccellenti e innovativi di Unindustria Bologna e Università di Bologna, ha infatti premiato i due progetti d’impresa nel corso della cerimonia che si è svolta all’interno della cornice dello Startup Ecosystem Day 2016, nell’Aula Magna di Bologna Business School, a Villa Guastavillani. La startup Newrosparks, nata da un’idea di Marco Guermandi, Matteo Chiesi e Silvio Placati, mira alla creazione di un dispositivo wearable capace di fornire terapie personalizzate, non farmacologiche ed auto-amministrabili per il trattamento di patologie associate ad un funzionamento anomalo del sistema nervoso centrale. Le terapie si basano su tecnologie proprietarie di stimolazione elettrica derivate da anni di ricerca accademica presso l’Università di Bologna.
Il team di NEXTis4US, composto da Leonardo Stamati, Dante Cruz Velasquez, Edoardo Casella e Francesco Stamati, ha invece vinto la competizione grazie a “Essenza”, un prodotto capace di rivoluzionare il mondo dei barmen: si tratta di una macchina automatica intelligente capace di dosare i cocktail in maniera precisa, smart e veloce consentendo un aumento della produttività del bar e un maggiore controllo dell’alcool.
Per entrambe il premio concesso da AlmaCube consiste, oltre che nella possibilità di utilizzare uno spazio uso ufficio per sei mesi presso la sede dell’incubatore, in corsi di formazione sull’imprenditorialità e mentorship sul progetto d’impresa, in dieci giornate-uomo di temporary management per lo sviluppo del business, convenzioni con istituti di credito per startup innovative e incontri con network di business angels.
Nel corso della prima edizione dello Startup Ecosystem Day le circa 40 imprese startup coinvolte (alcune delle quali nascono dalle iniziative di scouting che recentemente l’Alma Mater ha messo in piedi) che operano in settori quali automation, automotive, food, design, digital, fashion, finance, green e ICT, hanno avuto l’opportunità di incontrare gli studenti BBS del Global MBA e dei Master Executive – circa 120 studenti provenienti da 30 nazioni diverse – così come investitori istituzionali, manager e imprenditori del business network di BBS, con lo scopo di generare sinergie e attirare l’attenzione di imprese già affermate.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet