Due giorni in riva all’Enza, sul ponte dei poeti


REGGIO EMILIA, 9 AGO. 2010 – Più o meno mezzo secolo fa, sul ponte sull’Enza che unisce il versante parmigiano a quello reggiano c’era un continuo viavai di poeti e scrittori. Facevano la spola tra il Mulino di Bazzano, dove Giulia Niccolai e Adriano Spatola fondarono la mitica casa editrice "Tam Tam", e Vetto, dimora estiva di Luciano Anceschi. Qui il critico letterario trascorreva le vacanze e organizzava le riunioni di redazione del "Verri", la storica rivista di letteratura e poesia che aveva fondato nel 1956. E sempre qui, a pochi passi dalla casa appartata tra boschi e montagne che ne conserva gli archivi e dove ora vivono suo figlio e Milli Graffi, sabato 28 e domenica 29 agosto Daniela Rossi curerà "Il ponte sull’Enza – tra Vetto e il Mulino di Bazzano. Omaggio a Luciano Anceschi", una due giorni inserita nel programma della Biennale del Paesaggio e interamente dedicata all’ex docente di Estetica all’Università di Bologna e alla sua creatura editoriale. Alla Locanda degli Asini di Spigone, luogo magico tra i castagneti dove si coniuga la buona tavola con la cultura, si gusterà una serie di eventi a base di letture, musica, presentazioni di libri e video e anche un seminario sul rapporto tra Anceschi e i poeti del Mulino di Bazzano, con la partecipazione di artisti, scrittori, poeti e intellettuali che hanno vissuto quella straordinaria avventura. Alle due giornate parteciperanno Nanni Balestrini (uno dei primi redattori della rivista), i critici Andrea Cortellessa e Niva Lorenzini, che vi collaborano attualmente, il musicista e poeta Luigi Cinque, le poetesse Milli Graffi, Giulia Niccolai, la critica Cecilia Bello Minciacchi, Maurizio Spatola, fratello di Adriano, lo scrittore reggiano Giuseppe Caliceti, il poeta visivo Enzo Minarelli, il critico Eugenio Gazzola, il musicista Giuliano Zosi, lo scrittore Beppe Sebaste, discepolo e amico di Anceschi, e altri amici poeti e critici.Sabato 28 agosto, nello spazio teatro della Locanda degli Asini dalle ore 18 verranno presentati il libro di Niva Lorenzini "Edoardo Sanguineti – Lettere dagli anni ’50", che raccoglie la corrispondenza tra il poeta genovese recentemente scomparso e Luciano Anceschi, e "La repubblica dei poeti. Gli anni del Mulino di Bazzano", un libro con DVD di Daniela Rossi arricchito dagli interventi di Milli Graffi, Enzo Minarelli, Giulia Niccolai e Maurizio Spatola. Poi, nello spazio esterno e nello spazio teatro, alle ore 22 comincerà una serata di reading, musica e video con Nanni Balestrini, Luigi Cinque, Giuseppe Caliceti, Enzo Minarelli, Milli Graffi, Giulia Niccolai, Beppe Sebaste, Massimo Zamboni e Giuliano Zosi. Inoltre video di performances e letture di Corrado Costa.Infine, domenica 29 dalle ore 10, nella Sala Polivalente di Vetto Giovanni Anceschi e Milli Graffi coordineranno il convegno dal titolo "I sentieri della poesia tra Vetto e Bazzano", con interventi di Nanni Balestrini, Cecilia Bello Minciacchi, Andrea Cortellessa, Eugenio Gazzola, Niva Lorenzini, Enzo Minarelli, Giulia Niccolai, Maurizio Spatola, Beppe Sebaste e Giuliano Zosi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet