Ducati, immatricolazioni record e 606 mln di fatturato


BOLOGNA, 12 MAR. 2013 – Seicentosei milioni di euro di fatturato, con un incremento del 16% sul 2011 e un immatricolato record totale di 44.102 moto. Ducati ha chiuso il 2012 con questi numeri, resi noti durante la "Audi Annual Press Conference" a Ingolstadt, appuntamento con la stampa internazionale dove Audi ha presentato i risultati commerciali e finanziari dello scorso anno. Un’occasione anche per fare anche sull’azienda bolognese, entrata a far parte del gruppo a luglio, proseguendo nella fase di crescita sia per le quote di mercato che dei volumi di produzione e di vendita. "La nostra crescita – ha sottolineato Gabriele Del Torchio, amministratore delegato Ducati Motor Holding – è particolarmente efficace e significativa negli Usa, oggi il nostro primo mercato, dove abbiamo fatto registrare un +21% sul 2011 confermando un trend assolutamente positivo che, in questo paese, ha visto incrementare le vendite Ducati consecutivamente negli ultimi trenta mesi. Importanti anche i risultati e i traguardi nell’area del Far East, grazie ad un’attenta politica commerciale rivolta ai nuovi ed emergenti mercati che ci permette di crescere in termini di market share e di profitti". Ducati, con l’ingresso dei nuovi azionisti, "é in solide mani – ha aggiunto Del Torchio – Questi risultati confermano il valore di tutte le persone che lavorano nella nostra azienda e del marchio Ducati, sempre più conosciuto, apprezzato e stimato in tutto il mondo. La gamma prodotti 2013, tra cui la nuova Multistrada, la nuova Hypermotard, l’Hyperstrada e la nuova 1199 Panigale R, sono l’espressione dell’eccellenza tecnologica e della nostra qualità emozionale. Ducati è e continuerà ad essere un’azienda orientata al prodotto, con lo sviluppo e l’innovazione come pilastro portante della nostra strategia di crescita"."In tre anni saremo sui posti più alti del podio". Così Gabriele Del Torchio, ad di Ducati, ribadisce l’obiettivo della casa di Borgo Panigale per il Mondiale MotoGp. "C’é ancora lavoro da fare, ma avremo ottimi risultati. Sono fiducioso in questa squadra, avrà successo""Il 2012 è stato un anno eccellente, il nostro anno migliore – ha aggiunto Del Torchio – Nei primi due mesi la stagione è iniziata in modo promettente e quest’anno batteremo tutti i nostri record. Siamo più forte che mai grazie ai vantaggi dell’integrazione con Audi, è una bella combinazione tra solidità tedesca e ingegno italiano. Questo è quello che ci auguriamo, ma dipenderà dalla durata della crisi del Sud Europa. I mercati più promettenti per noi sono i Paesi asiatici e gli Usa. L’Europa sta calando in modo troppo grande, compresa per la prima volta la Francia, mentre cresciamo in Germania". Centrale, secondo Del Torchio, il rispetto dell’autonomia della società da parte di Audi. Concetto su cui convengono i vertici del gruppo tedesco. "Da anni – ha sottolineato il ceo di Audi, Rupert Stadler – va avanti la collaborazione con Volkswagen Group Italia e Lamborghini. Ora ci sono Italdesign Giugiaro e Ducati. A noi sta a cuore il successo di ogni marchio e siamo sulla buona strada. Quando lo spirito ingegneristico tedesco s’incontra con la qualità e la competenza artistica del design italiano abbiamo la migliore combinazione". "Vogliamo rispettare la cultura di ogni marchio – ha detto Luca De Meo, responsabile vendite e marketing nel board Audi – è il segreto del successo del nostro gruppo. Quando Ducati è entrata a far parte del nostro gruppo ho detto a Stadler ‘li dobbiamo abbracciare, ma non tanto forte da strozzarli’. Abbiamo un rapporto fantastico e cerchiamo di aiutarli il più possibile".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet