Dopo le mareggiate è emergenza spiaggia


in collaborazione con Teleromagna1 MAG. 2009 – Emergenza spiaggia, dopo le mareggiate che hanno colpito la costa romagnola tra lunedì e martedì. In Comune a Cesenatico si è svolta mercoledì una riunione tra amministrazione, cooperativa bagnini e servizio tecnico di bacino per fare il punto sulla situazione. E’ scattata la richiesta di aiuto alla Regione per intervenire permettendo la partenza della stagione turistica: almeno 50mila euro per 15mila metri cubi di spiaggia. Chiesta anche la rimozione degli scogli verticali. Tra le zone più danneggiate quella di Valverde, dove l’acqua è arrivata, in alcuni casi, fino agli ingressi degli stabilimenti balneari. Ma anche nelle altre parti della costa la situazione non è delle migliori. Non c’è più spazio per gli ombrelloni e con la stagione già partita ed il week end del primo maggio alle porte la preoccupazione dilaga.La spiaggia, in alcune località della riviera romagnola, dopo le mareggiate dei giorni scorsi, è quasi inesistente e in molti casi i bagnini chiedono interventi tempestivi dalla Regione per poter affrontare la stagione estiva alle porte. Le onde che hanno colpito tutta la costa romagnola in alcuni casi hanno raggiunto altezze di quattro o cinque metri con raffiche di vento ad oltre 70 chilometri orari e nella provincia di Ravenna il mare si è inghiottito almeno mezzo metro di arenile. Il problema si è presentato anche perché i bagni erano già pronti all’avvio della stagione balneare e dunque mancavano le recinzioni invernali che probabilmente avrebbero bloccato l’impeto dell’acqua e di conseguenza avrebbero limitato i danni. Al momento la situazione è monitorata dall’agenzia regionale di protezione civile con attività di sorveglianza idraulica insieme alle Prefetture,la direzione regionale dei vigili del fuoco, comuni,arpa province e consorzi di bonifica.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet