Doping per atleti e palestre: 12 arresti


BOLOGNA, 25 MAR. 2009 – Un’associazione a delinquere dedita al traffico internazionale di sostanze dopanti destinate ad atleti, sportivi e frequentatori di palestre è stata smantellata nelle prime ore di oggi dai carabinieri del Nas di Bologna.I militari hanno eseguito 12 ordinanze di custodia in carcere ed agli arresti domiciliari, sei misure cautelari, il sequestro di una palestra e di un negozio di integratori alimentari ed 88 perquisizioni domiciliari a carico dei componenti del gruppo criminale. L’operazione ha riguardato varie province dell’Emilia Romagna, della Campania e della Sardegna.Tra i destinatari degli ordini di custodia ci sono due recidivi, molto noti alle forze dell’ordine. Marco Verzelli, proprietario della palestra Marver di Bologna, era finito nel mirino dei Nas almeno quattro volte negli ultimi dieci anni, l’ultima delle quali nello scorso luglio quando fu sorpreso in flagrante mentre tentava di liberarsi di un sacco di sostanze proibite. E con lui c’era anche Giuseppe Pellegrino, il gestore del negozio di Pontecagnano: per entrambi è scattato l’ordine di custodia in carcere. Anche Riccardo Fioretti, titolare dell’Agorà Wellness Club di Forlì, aveva avuto a che fare con i Nas. Le 88 perquisizioni domiciliari effettuate, inoltre, hanno portato alla luce anche 100 grammi di cocaina e persino un’arma Mauser, detenuta illegalmente da uno degli arrestati. Tra le persone colpite dall’obbligo di dimora anche Matteo Minonzio, nome famoso nel mondo delle lotte orientali e in passato coinvolto in inchieste sui legami tra l’estrema destra e gli ultras della curva del Bologna. I prodotti sequestrati, provenienti da vari paesi dell’Europa, dell’Asia e dell’Oceania, sono steroidi anabolizzanti, simpaticomimetici, ormoni della crescita e beta 2 agonisti. Secondo gli inquirenti contengono tutti sostanze molto nocive con grave rischio per la salute anche a molto tempo dalla loro assunzione. A fronte di vantaggi sulla massa muscolare e sulla frequenza cardiaca, infatti, possono produrre effetti collaterali muscolari, cardiovascolari e psichiatrici e portare fino all’anoressia, all’insonnia o all’iperglicemia.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet