“Donne e terre”, premiate cinque imprenditrici


Cinque imprenditrici bolognesi che portano i loro prodotti creativi nel mondo hanno ottenuto oggi un riconoscimento, di 2 mila euro ciascuna, dalla Camera di commercio di Bologna. Il premio, “Donne e terre in movimento verso il mondo”, nato con un bando rivolto a tutte le imprese femminili di Bologna (18.834 in tutto, il 21,8% del totale di quelle attive) è andato a imprenditrici che si occupano di settori diversi, ma tutti particolari, come il restauro di strumenti antichi, la tecnologia applicata a energie alternative, l’abbigliamento e i cosmetici biologioci e biotecnologica applicata diagnostica molecolare per la medicina veterinaria ed il settore agroalimentare.

 

L’obiettivo del Comitato per l’imprenditoria femminile, si legge in una nota della Camera di commercio, è stato cercare imprenditrici bolognesi “espressione della qualità del made in Italy, o che operano nel campo delle produzioni biologiche, o ancora particolarmente attente alla eticità e alla ecosostenibilità dei prodotti”.
Tra le vincitrici ci sono Anna Radice, che ha mantenuto viva un’attività in via di estinzione, cioè lo studio, la ricostruzione e il restauro di strumenti musicali a pizzico appartenenti alla tradizione musicale antica. E Assea, che ha l’obiettivo di portare l’energia solare a bordo delle imbarcazioni a vela e a motore. E poi ecco Blick design, che ha ideato e lanciato “OrganicTribe” linea di abbigliamento biologico, eticamente prodotto in Italia, nel rispetto dei principi dell’ecosostenibilità.

 

C’eè poi Camorak, impresa che produce la linea cosmetica biologica Puravida Bio, usando farro, caffè, mieli, cioccolato, olio extra-vergine di oliva e legumi e utilizza un procedimento all’avanguardia della scienza cosmetica che garantisce la massima eco-dermo-compatibilità dei prodotti. Infine, tra le premiate c’è Genefast, azienda biotecnologica che si occupa di diagnostica molecolare per la medicina veterinaria ed il settore agroalimentare, titolare di due brevetti internazionali.
“Se pensiamo che un’impresa su cinque, nel nostro territorio, è gestita da imprenditrici donne e che tali imprese sono cresciute di quasi dieci punti percentuali negli ultimi dieci anni, non possiamo che essere orgogliosi nel riconoscere il prezioso lavoro realizzato”, ha commentato Benedetta Rasponi, presidente del Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile della Camera di Commercio di Bologna.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet