Disastro Paletta: il Parma perde 3 a 1 a Genova


GENOVA 30 GEN 2011 – Accade tutto nel primo tempo tra Genoa e Parma con i rossoblù che tornano al successo dopo quasi due mesi, superano in classifica la Fiorentina e lo stesso Parma, agganciano la Sampdoria e, soprattutto, si allontanano dalle zone calde. Per i Ducali giornata da dimenticare soprattutto in difesa, dove Paletta è autore del fallo da rigore, di un’autorete e dell’involontario assist per il terzo gol di Kaladze. Nel Genoa in evidenza Floro Flores e Palacio, che fa girare la testa agli avversari con i dribbling in velocità, oltre al nuovo arrivato Konko a centrocampo. Al via formazioni confermate con Mesto titolare per Rafinha nel Genoa e Marino che sceglie la coppia Giovinco-Crespo in attacco. Il Genoa parte forte e al 16′ trova il gol dopo alcuni affondi pericolosi. Floro Flores s’invola sulla sinistra, entra in area e viene affrontato da Paletta che lo atterra. Per l’ arbitro è rigore netto e dagli undici metri Palacio non sbaglia. Il Parma subisce il colpo ma al 32′ raggiunge il pareggio grazie ad Hernan Crespo che raccoglie una corta respinta di Eduardo su un tiro improvviso da fuori area di Valiani. I rossoblù però si riportano subito in avanti con Kucka che ci prova direttamente da fuori area. Al 38′, Criscito dal limite inventa un passaggio di tacco per Marco Rossi che cerca il palo opposto ma trova un Mirante pronto a bloccare, seppure in due tempi. Al 43′ Palacio prova il cross dalla sinistra e Paletta nel tentativo di anticipare Konko batte di testa Mirante in uscita. Il vantaggio ritrovato carica ancora di più il Genoa che un minuto dopo segna il 3-1: Marco Rossi tira da fuori area, il tiro viene respinto da Paletta al limite ma diventa un assist involontario per Kaladze che è il più veloce a raccogliere la palla in area e battere con un preciso rasoterra nell’angolino opposto Mirante. Marino nella ripresa prova a cambiare inserendo l’ex Palladino, accolto da alcuni fischi, ma è sempre il Genoa a rendersi pericoloso con Kucka. La squadra di Ballardini controlla agevolmente il gioco e quando avanza sa andare in profondità anche grazie alla ottima tecnica di Floro Flores, che gioca tanti palloni, alla corsa di Konko e alle magie di Palacio. Il Genoa va ancora vicino al 4-1 con Floro Flores di testa mentre il Parma sbaglia il 2-3 con Giovinco che non riesce a sfruttare un’incomprensione tra Eduardo e Kaladze mandando alto. Alla fine i tifosi del Genoa festeggiano il ritorno al successo casalingo che mancava dal 10 di novembre e invocano a gran voce il portiere Eduardo, che ricambia regalando la maglia alla Gradinata Nord.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet