Derby-spettacolo, Parma batte Bologna 2 a 1


PARMA, 13 DIC 2009 – La partita più bella della 16° giornata di Serie A si è giocata al Tardini e ha visto il Parma imporsi sui cugini del Bologna per 2 a 1. Un Parma tecnicamente superiore ai felsinei, che per tutta la partita ha avuto in mano il pallino del gioco e ha, alla fine, meritato questo successo, che lancia la squadra ducale al 4° posto in classifica, a due soli punti dalla Juve e a otto punti dall’Inter capolista. Il Bologna, dal canto suo, conferma e rafforza le ottime impressioni delle ultime partite: compatti e attenti (quasi sempre) in difesa, i ragazzi di Colomba sanno finalmente anche creare pericoli in contropiede, grazie alla velocità di Di Vaio e Zalayeta e ai piedi buoni dell’intramontabile Adailton. I complimenti vanno, in questo caso, a Colomba, che ha preso una squadra rinunciataria dalle mani di Papadopulo e ha saputo trasformarla in una che sa cercare la vittoria anche in campi difficili come il Tardini. La classifica dei Rossoblù, che mantengono un vantaggio di tre punti sulla terzultima Atalanta, non è tranquillizzante, ma con questo atteggiamento la salvezza è sicuramente alla portata.LA PARTITA – All’inizio Guidolin sceglie la coppia d’attacco Lanzafame-Biabiany, mentre Colomba deve fare i conti con una mezza emergenza in difesa. Parte forte il Parma, che si rende pericoloso al 12° quando Morrone calcia di sinistro da dentro l’area di rigore e solo un grande intervento di Viviano evita il gol. Al 35° il Bologna spezza l’assedio con un contropiede di Di Vaio lanciato da Zalayeta: il tiro del capitano rossoblù è però intercettato dal portiere parmigiano Virante. Al 44° inaspettatamente il Bologna passa in vantaggio: Di Vaio lancia il contropiede dopo un’azione di corner per il Parma, che si trova scoperto, e Mudingayi segna il suo primo gol con la maglia del Bologna.NELLA RIPRESA il Parma, che fa uscire Lanzafame per Amoruso, cerca con continuità il pareggio. Ci prova al 3° minuto Galloppa, che colpisce su sponda di Amoruso, ma Viviano alza in corner. Il pareggio arriva al 12° con Panucci, anche lui al primo gol con la nuova maglia, dopo una lunga e caotica azione d’attacco del Parma. Subito dopo il pareggio, il Bologna sfiora il nuovo vantaggio, con Di Vaio, poi la partita prende una piega inattesa: Britos stende ingenuamente Dzemaili dentro l’area. L’arbitro lo espelle e assegna rigore al Parma, ma dal dischetto Amoruso calcia sul palo esterno. All’85° però Amoruso si fa perdonare, deviando in porta da due metri un bellissimo assist di Zaccardo. Vince il Parma, meritatamente. Il Bologna si consola con una prestazione ottima.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet