Deposito Gas di Rivara, gli scavi non si faranno


MODENA, 23 MAR. 2012 – Mercoledì alla Camera e ieri in Senato, il sottosegretario all’Ambiente Tullio Fanelli ha risposto a una serie di interrogazioni parlamentari sul mega deposito di gas sotterraneo progettato da Erg Rivara Storage a Rivara di San Felice sul Panaro. Fanelli ha confermato il decreto ministeriale di compatibilità ambientale per la fase di accertamento, le cui perforazioni però non potranno cominciare se non dopo il completamento dell’autorizzazione, che sarà conclusa "solo a seguito dell’espressione dell’intesa da parte della Regione Emilia-Romagna".Ma la Regione, per bocca dell’assessore Gian Carlo Muzzarelli, ha ribadito ancora una volta il proprio parere contrario. Quella del Governo, per Muzzarelli, è solo "una risposta formale e burocratica, che non fa altro che ripercorrere cose già note e ripetute relativamente all’iter della richiesta. Conferma ancora una volta quanto noi abbiamo già spiegato a più riprese, ovvero che senza l’intesa con la Regione Emilia-Romagna non si può procedere. Poiché la Regione conferma le proprie ragioni contrarie, tecniche e politiche, già ampiamente spiegate e documentate anche scientificamente – conclude l’assessore – la situazione non cambia e l’intesa non ci sarà".Insoddisfazione per la risposta data dal Governo è stata espressa dai deputati del Pd che avevano firmato l’interrogazione (Raffaella Mariani, Giuliano Barbolini, Mariangela Bastico, Ivano Miglioli, Manuela Ghizzoni, Alessandro Bratti), delusi da un Ministero dell’Ambiente che esprime compatibilità ambientale al progetto nonostante il parere negativo, ribadito più volte da Enti locali e Regione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet