Democrazia digitale: online i verbali “fai da te” del consiglio comunale di Bologna


BOLOGNA, 2 OTT 2009 – Dalle 15 all’una di notte. Tanto è l’impegno di Alberto Pontini, libero professionista bolognese, ogni volta che si riunisce il consiglio comunale della sua città. Da quando il nuovo Consiglio dell’amministrazione Delbono si è insediato, non si è perso un appuntamento e ha registrato sul web il suo accurato resoconto delle assemblee: delibere, ordini del giorno, interventi dei consiglieri e risposte degli assessori. E spesso un suo piccolo ed equilibrato commento, in poche righe.Un esempio, il giorno della strage di Kabul: “Essendosi verificata la strage dei soldati italiani in Afghanistan, se non ci fosse stato un Odg in scadenza la seduta non si sarebbe tenuta. Per ricordare i soldati morti al servizio del Paese, quale miglior modo ed esempio per i Consiglieri che essere tutti presenti in Consiglio Comunale ed adempiere al proprio dovere fino in fondo, completando l’esame di tutti gli argomenti?”"Prima delle elezioni – ha raccontato Alberto, sul suo blog cocobologna.blogspot.com – ero deluso dalla politica della città. Poi mi sono detto: è inutile lamentarsi se non si fa niente. Mi è venuta questa idea del blog: magari lo guardano solo in quattro gatti, ma io vado avanti. Lo faccio perché lo sento e lo faccio per me, anche se so di sembrare un po’ pazzo".Così ogni lunedì pomeriggio a Palazzo D’Accursio, nello spazio riservato agli uditori lui è lì che prende appunti. Un lavoro che lo impegna poi "fino all’una di notte, quando di solito termino di riassumere la seduta". L’auspicio di Alberto è "che questo serva a migliorare la vita di noi bolognesi e di tutti coloro che vorranno visitare questa città".I sostenitori di Beppe Grillo, che a Bologna hanno un consigliere, Giovanni Favia, e che filmano e mettono on line i video delle sedute, non sono soli. "Ma io non sono di nessun partito. Li ho conosciuti nei primi consigli, – ha raccontato Alberto – ho partecipato anche ad alcune riunioni. Visto che sono bravo, mi hanno chiesto di fare i verbali".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet