Delitto passionale a Cesenatico. Donna uccisa a coltellate da ex convivente


CESENA, 27 OTT. 2010 – "Da tempo il suo ex non la lasciava in pace". C’è ancora incredulità tra i colleghi di Eleonora Liberatore, la trentasettenne uccisa ieri nel tardo pomeriggio dal suo ex compagno. A riferire delle paure vissute dalla donna e sentite raccontare alla Ricci, azienda di forniture alimentari, sono proprio i compagni di lavoro. Gli stessi con cui Eleonora si fermava dopo le otto ore, al bar Madame Café di Cesenatico. E’ lì che ieri sera Sokol Pirra, elettricista di 39 anni di orgine albanese, l’ha raggiunta e, dopo aver estratto il coltello da un calzino, l’ha colpita più volte senza lasciarle scampo.L’uomo ha poi tentato di togliersi la vita prima di essere catturato dai carabinieri. Ha vagato nelle campagne della zona, sporco di sangue, e attaccandosi ai cavi di un palo della luce ha tentato di rimanere folgorato. Per questo ora si trova, piantonato, all’ospedale Bufalini di Cesena, con un braccio gravemente ferito. L’omicida era stato denunciato pochi mesi fa dalla vittima per le vessazioni, non si rassegnava alla fine del rapporto. I due (la donna, che viveva a Cesena, a quanto si è appreso aveva un figlio di circa 16 anni) avevano convissuto per un periodo, poi la relazione era terminata, ma l’uomo non ne voleva sapere di perderla. Da qui le vessazioni compiute dall’ albanese, nei confronti del quale era stato spiccato anche un provvedimento cautelativo che gli impediva di avvicinarsi a lei. Ma inutilmente.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet