Delbono sindaco di Bologna: “una bella vittoria”


22 GIU 2009 – Alla fine di una campagna elettorale “sporca” come nessun altra, il dopo Cofferati si chiama Flavio Delbono. Con oltre il 60% dei voti ha sommerso il contendente Alfredo Cazzola, controverso esponente di una parte del centrodestra.Per il Pd bolognese è sicuramente una giornata importantissima, di riscatto. Così il segretario Andrea De Maria: “Oggi è una giornata molto importante per Bologna. Quella di Flavio Delbono è davvero una gran bella vittoria, chiara e netta nel risultato. Una vittoria del candidato sindaco, del PD e di tutto il centrosinistra. Sono molto contento di questo risultato che, visti gli equilibri in consiglio comunale definiti al primo turno, assegna anche alla città una maggioranza di centrosinistra forte e coesa, con il Partito democratico che esprimerà direttamente 24 dei 46 consiglieri”.“Il voto di Bologna – continua il segretario bolognese del Pd – rappresenta un risultato molto importante di valore nazionale in un momento delicato della vita politica del Paese. In questo senso è molto significativo anche il successo a Zola Predosa di Stefano Fiorini, a cui ho già telefonato per complimentarmi. Ora si tratta di mettersi al lavoro, con impegno e con fiducia, per il buon governo di Bologna”.E CAZZOLA A META’ SCRUTINIO AMMETTE LA SCONFITTADi fronte ai dati inequivocabili di circa metà delle sezioni, Alfredo Cazzola, il candidato civico sostenuto dal centrodestra nel ballottaggio di Bologna, ha riconosciuto la vittoria del suo avversario Flavio Delbono: "E’ giunto il momento di complimentarsi con lui, gli stringo idealmente la mano", ha detto parlando con i cronisti nel suo quartier generale rimasto off limits fino alle 18. Secondo Cazzola, "il voto è comunque numericamente importante: rimane una percentuale da cui partire e su cui costruire la nostra azione". Insomma, ha aggiunto, dalle urne é arrivata la conferma che "siamo in grado di interpretare il nuovo che avanza". Alla domanda se qualcosa fosse mancato, Cazzola ha rilevato che "é già stata una vittoria andare al ballottaggio". L’unico rimpianto, ha concluso, è stato aver preparato la campagna in solo quattro mesi e tre settimane: "Se avessi preso questa decisione prima avremmo avuto la capacità di raccogliere di maniera differente il consenso della città ".E TELEFONA AL NUOVO SINDACO"Ciao Flavio, sono Alfredo Cazzola e volevo complimentarmi con te personalmente: ora sei anche il mio sindaco e mi sembrava doveroso". Una telefonata di pochi secondi, non particolarmente calda, ha sancito il riconoscimento della vittoria di Flavio Delbono da parte del suo avversario Alfredo Cazzola. Delbono ha ringraziato.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet