Delbono ringrazia i bolognesi: non vi deluderò


BOLOGNA, 22 GIU 2009 – Un ringraziamento ai bolognesi che hanno creduto in lui con l’impegno di "non deluderli" perché "sono onorato di poter servire la mia città". Così Flavio Delbono, neoeletto sindaco di Bologna, si è rivolto alla cittadinanza dopo il risultato del ballottaggio. In un breve messaggio letto davanti ai cronisti nella sua sede elettorale, ha approfittato anche per chiedere scusa ai cittadini per "lo spettacolo indegno che la politica ha dato di sé nell’ultima settimana" riferendosi alle polemiche nate durante la campagna elettorale. "Voglio ringraziare tutti i bolognesi che hanno votato – ha esordito il neo successore di Cofferati – perché hanno creduto nell’importanza di questa competizione elettorale e che, con la loro presenza alle urne, ci hanno ricordato che il senso della politica è il dialogo costante con i cittadini. Con la mia azione amministrativa spero di convincere chi non ha votato ad avere di nuovo fiducia nella politica e nel ruolo del sindaco".Poi ha ringraziato chi "mi ha voluto come sindaco" e a loro si é rivolto con una promessa: "Mi impegno a non deluderli". Un ulteriore ringraziamento l’ha riservato a coloro che hanno votato altre liste ("spero di convincerne molti a cambiare idea"), agli alleati politici e ai tanti cittadini incontrati durante la campagna elettorale. "Mi hanno accompagnato e sostenuto in questa lunghissima e felice avventura – ha precisato – senza di loro non ce l’avrei fatta". Un’ultima battuta sui ‘veleni’ e le accuse lanciate dal suo avversario Alfredo Cazzola: "Io ho cercato di parlare per tutto il tempo dei problemi di Bologna, della sua gente. Altri hanno preferito scorciatoie degradanti", ha denunciato annunciando poi: "userò la responsabilità che oggi mi hanno dato i cittadini per riannodare il filo di un dialogo sempre più necessario tra i cittadini e la politica. Concludo dicendo che sono onorato di poter servire la mia città". Poi Delbono si è avviato verso piazza Maggiore per festeggiare la vittoria. Oltre alla telefonata di Romano Prodi, Delbono ha ricevuto quella del segretario del Pd Dario Franceschini, mentre – ha fatto sapere il suo staff – la prima telefonata che il nuovo sindaco ha fatto era per Stefano, un vigile urbano che nel pomeriggio mentre portava i verbali nei seggi elettorali, è caduto riportando qualche ferita.LA TELEFONATA DI PRODI: PENNELLO OGGI E INNOVAZIONE DOMANIRomano Prodi ha telefonato al neo eletto sindaco di Bologna Flavio Delbono pochi minuti prima della sua conferenza stampa nel comitato elettorale del Pd. Il professore gli ha fatto le sue congratulazioni e gli ha chiesto espressamente di mettersi al lavoro "subito, da domani" per rimuovere i graffiti dai muri della città. L’ex presidente del Consiglio, contattato al telefono dai giornalisti che erano nel comitato elettorale di Delbono, ha detto: "Ho appena telefonato a Flavio, gli ho fatto tutte le mie congratulazioni. E’ stata una vittoria molto più forte del previsto, sono quindi estremamente contento". E ha aggiunto, forse riferendosi ai ‘veleni’ e polemiche con lo sfidante Alfredo Cazzola: "Come si voleva dimostrare, alla fine le cose vanno nella direzione giusta". Infine Prodi ha chiesto subito al suo ex allievo un impegno per il futuro della città: "Ho detto a Flavio adesso di mettersi la tuta, prendere un pennello e cominciare a tirar via i graffiti, subito, da domani, e poi da bravo professore dell’Università, mettere assieme dei giovani per lo slancio della Bologna del futuro perché si facciano cose buone". In altre parole ha sintetizzato l’ex premier: "Pennello oggi, innovazione domani".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet