Deco Industrie, nel 2017 fatturato a 160 milioni


E’ stato di 160 milioni il fatturato 2017 di Deco Industrie, con un incremento dell’11% sull’anno e una crescita del 5% sul budget, diviso equamente tra i settori alimentare e detergenza. L’azienda romagnola, sede a Bagnacavallo (Ravenna), ha stabilimenti anche a San Michele, Forlì, Bondeno e Imola. Lo scorso anno – spiega l’amministratore delegato Giorgio Dal Prato, come riporta il Corriere Romagna – “sono state vendute 300 milioni di confezioni, vale a dire che ogni giorno circa un milione di prodotti creati negli stabilimenti di Deco entrano nelle famiglie italiane”. “La strategia vincente – aggiunge – è stata quella di investire un milione al mese su tecnologia, impianti e immobili, lanciando ben 270 nuove referenze tra varianti di formato e ricette. In pratica, per ogni giorno lavorativo è stato lanciato un nuovo prodotto. Questo ha permesso anche nuove assunzioni, che ci fanno arrivare a 550 dipendenti”. Deco Industrie nasce nel 1951 nel settore dei detersivi, per poi spostarsi nel settore alimentare nel ’95 con l’acquisizione della Cofar di Ravenna, della Piadina Loriana di Forlì nel 1999 e di Italiana Biscotti di Ferrara nel 2013. L’acquisizione di Scala detersivi, marchio storico della detergenza, risale al 2003. Ultimo tassello in ordine temporale è l’acquisizione di Packaging Imolese, nel dicembre 2015, che dà vita ad una grande azienda nel mondo della detergenza ed apre le porte della cosmetica. Oggi l’azienda progetta, realizza e confeziona detersivi ad uso domestico, oltre a prodotti da forno, dolci e salati.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet