Datalogic, partnershipper movimentazione bagagli


BOLOGNA, 19 FEB. 2013 – Datalogic ha concluso nuove partnership per la realizzazione di progetti per la movimentazione e il trattamento automatico dei bagagli in numerosi terminal aeroportuali di recente realizzazione. Nell’ambito di tali progetti sono già state installate oltre 60 innovative stazioni di identificazione automatica e numerose altre verranno realizzate nei prossimi mesi.Datalogic, che ad oggi ha già realizzato sistemi di identificazione bagagli presso oltre 100 aeroporti nel mondo, ha così ulteriormente esteso la propria leadership nel settore grazie ai sistemi per la movimentazione dei bagagli BHS – Baggage Handling System – installati nell’aeroporto di Calcutta (India), all’aeroporto di Bogotà (Colombia) all’aeroporto di Lodz in Polonia e in quello di Dubai.Numerose sono anche le commesse già ottenute per ulteriori installazioni nei nuovi terminal realizzati a Gedda in Arabia Saudita, a San Pietroburgo in Russia, in Oman, a Bangalore in India, oltre che un recente progetto per l’aeroporto di Bali in Indonesia.Datalogic è stata pioniere di questa tipologia di soluzioni, realizzando il primo sistema automatico di lettura delle etichette (ATR) poste sui bagagli nell’aeroporto milanese di Linate nel 1984.“Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato Mauro Sacchetto, Amministratore Delegato del Gruppo Datalogic – di aver aumentato la nostra presenza in un mercato, quello degli aeroporti, che continua a crescere, ed in particolare nei paesi emergenti dove si prevede un aumento sempre più consistente dei passeggeri. Le soluzioni Datalogic sono state scelte per l’alto contenuto tecnologico in grado di soddisfare le esigenze degli aeroporti più moderni che installano efficienti sistemi di smistamento e trasporto per la movimentazione automatica dei bagagli.”Basato su componenti standard di elevata qualità, la soluzione BHS di Datalogic è di facile installazione, utilizzo e manutenzione. Estremamente affidabile garantisce elevate prestazioni di lettura in qualsiasi condizione operativa. La soluzione integra inoltre strumenti di controllo e diagnostica di sistema che permettono il monitoraggio e la sorveglianza delle prestazioni in tempo reale. Tutti i componenti sono estremamente robusti e in grado di operare in ambienti difficili, caratterizzati da temperature molto elevate o molto rigide, da alti livelli di umidità o polvere. Uno di questi componenti è il DS8100A, un lettore laser lineare ad elevate prestazioni, progettato per soddisfare le applicazioni di smistamento del settore dei trasporti e della logistica: la soluzione ideale per gli ambienti aeroportuali.Una tipica stazione di identificazione è costituita da 8 lettori di tipo “omnidirezionale”, che grazie a potenti algoritmi SW hanno la capacità di leggere etichette applicate sulle valigie, indipendentemente dal loro orientamento. La tecnologia brevettata Packtrack™ garantisce la tracciabilità di ogni singolo bagaglio e la corretta assegnazione del codice anche quando gli oggetti sono molto ravvicinati. Questa caratteristica rende il sistema BHS la soluzione ideale per l’integrazione con le più recenti tecnologie di smistamento. Nei sistemi automatici di identificazione e smistamento, i lettori di codici a barre industriali leggono ogni ora circa 4.000 etichette applicate sui bagagli.Oltre alla movimentazione bagagli, Datalogic realizza anche soluzioni per il controllo degli accessi e check-in. Tra queste, la soluzione presente all’aeroporto di Bologna, Italia, per il controllo degli accessi ai security gate e nelle aree preposte al check-in che utilizza il PowerScan PM8500, un lettore di codici a barre 2D in grado di gestire oltre 8.500 passeggeri al giorno nelle ore di maggior traffico del periodo estivo.All’aeroporto di Francoforte-Hahn, dove transitano oltre 3.5 milioni di passeggeri, vengono utilizzati invece i lettori 2D Gryphon GD4400 per le operazioni di check-in e controllo delle carte di imbarco, consentendo un notevole risparmio di tempo per le operazioni a terra, stimato in circa 25 minuti per ogni volo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet