Dai Quaderni Rossi a Classe operaia. A scuola di operaismo con la Cgil


REGGIO EMILIA, 10 MAR. 2009 – Un pomeriggio dedicato alla storia dell’operaismo. Lo propone il Centro Studi R60 giovedì 12 marzo, presso la Camera del Lavoro Territoriale. Alla sala Santi verranno presentati due libri: "L’operaismo degli anni sessanta. Dai Quaderni Rossi a Classe operaia", a cura di Giuseppe Trotta a Fabio Milana, e “L’assalto al cielo. Per una storia dell’operaismo" di Steve Wright.Saranno presenti Fabio Milana, uno dei curatori del primo volume, Riccardo Bellofiore, dell’Università di Bergamo, Sandro Mezzadra, Università di Bologna, Giovanni Mottura, Università di Modena e Reggio Emilia e Massimiliano Tomba dell’Università di Padova."L’operaismo degli anni sessanta. Da Quaderni Rossi a Classe operaia", è la ricostruzione della storia dell’operaismo negli anni Sessanta, ovvero della vicenda intellettuale e politica che ha preso forma all’interno della rivista «Quaderni rossi» per poi sfociare in «classe operaia». Un’antologia di centinaia di documenti, per lo più inediti, distribuiti tra la primavera del 1959 e quella del 1968, accuratamente annotati e collegati uno all’altro. Un libro che contiene tredici testimonianze di protagonisti: Aris Accornero, Romano Alquati, Alberto Asor Rosa, Lapo Berti, Sergio Bologna, Massimo Cacciari, Rita Di Leo, Mauro Gobbini, Claudio Greppi, Toni Negri, Massimo Paci, Vittorio Rieser, Mario Tronti. “L’assalto al cielo. Per una storia dell’operaismo” si può considerare la prima storia organica di una delle esperienze più significative della sinistra marxista italiana dagli anni Sessanta ad oggi. Ricostruisce con un respiro d’insieme autori come Panzieri, Tronti, Negri e Bologna e laboratori politici come Quaderni Rossi, Classe Operaia e Primo Maggio nonché teorie come l’operaio massa e l’operaio sociale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet