Da tradizioni contadine nasce Università del maiale


Nasce a Polesine Parmense l’università del maiale. Un laboratorio enogastronomico che si
rivolge a professionisti e curiosi e intende approfondire alcuni aspetti relativi alla lavorazione del maiale senza trascurare l’importanza della conoscenza di molte altre variabili, tra cui
la storia dell’agricoltura, con un focus particolare sulla zootecnica suina, le diverse razze suine, le loro carni, la produzione dei salumi, la loro conservazione e le tecniche di servizio. “Pig Full Immersion”, si svolge per 6 giorni, dal 18 al 23 febbraio 2019, all’Hosteria del Maiale dell’Antica Corte Pallavicina, dei fratelli Luciano e Massimo Spigaroli, nelle cui storiche cantine, le più antiche del mondo attive, viene stagionato il Culatello di Zibello, a cui è dedicato anche un
autentico museo. Il corso è una full immersion nel mondo della salumeria nel luogo in cui la razza Nera Parmigiana viene allevata con i cereali coltivati sul posto, tra bovini di razza bianca, anatre e faraone, vigneti di uva fortana, pioppi, frutta e verdure di stagione. Il programma, volto all’ottenimento di uno specifico diploma, prevede la visita completa all’azienda agricola
dell’Antica Corte Pallavicina, la lavorazione delle carni di maiale (sezionamento e salatura), la preparazione di salami, cotechini, ciccioli, cicciolata e mariole, la legatura dei culatelli, delle coppe, dei preti, delle spalle, dei lombi, dei fiocchetti e delle pancette e un corso di cucina dal tema.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet