Da Granarolo bottiglia al 100% biodegradabile


Una bottiglia interamente compostabile, tappo e etichetta compresa. L’ha messa a punto il colosso del latte emiliano Granarolo che la esporrà, per la prima volta, all’Expo di Milano. Tra i prodotti finalisti dell”Oscar dell’imballaggio 2015′, la bottiglia è realizzata in bioplastica di origine vegetale prodotta con la cassava, un tubero di arbusto originario del Brasile Nord Orientale e del Messico Sud Occidentale. Il prototipo che sarà presentato all’Esposizione Universale, il cui titolo e “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” è interamente biodegradabile che ha la potenzialità di trasformarsi in compost entro 12 settimane. “La scelta dell’utilizzo della cassava – spiega una nota di Granarolo – è anche etica: il materiale non deriva da prodotti vegetali utilizzati per soddisfare il fabbisogno alimentare”. La bottiglia, chiosa la nota, è stato sviluppata in collaborazione con Hisun, produttore di polimero, e Sacmi, società realizzatrice degli stampi prototipi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet