Da Expo a Reggio Emilia, simposio internazionale


Il 23 e il 24 ottobre 2015 Reggio Emilia accoglie un importante evento patrocinato da Expo Milano 2015, il simposio internazionale “Quality Design for Health Care Facilities in Emerging Countries. Case Studies in Africa”, curato dall’architetto Luca Molinari e organizzato da Aga Khan Award for Architecture e Comune di Reggio Emilia con il supporto di Fondazione E35, Emergency, Tamassociati, Ordine degli Architetti della provincia di Reggio Emilia, Sicrea Group e Boorea.
“Questo convegno – dice Serena Foracchia, assessore alla Città internazionale del Comune di Reggio Emilia – è un’occasione di approfondimento tecnico-scientifico di alto livello a carattere internazionale, che si svolge a Reggio Emilia anche grazie alla relazione storica che lega la città con il continente africano. L’incontro con l’Aga Khan Award for Architecture avviene nell’anno di Expo grazie all’importante lavoro di promozione svolto durante la fase di preparazione all’Esposizione universale, e rappresenta non solo un riconoscimento reciproco ma anche una ulteriore possibilità di legare l’architettura alle tematiche sanitarie in Africa”. “Questo evento – commenta Luca Molinari – rappresenta un significativo passo in avanti nella costruzione di un’agenda comune tra ricerca architettonica e medicina nella ideazione e costruzione di nuovi spazi per la cura in Africa nei prossimi decenni. La ricerca portata avanti con coraggio sperimentale da Tamassociati, e che ha valso il conferimento del prestigioso Aga Kahn Awards, mostra una strada possibile portata avanti anche da altre realtà internazionali. Il convegno di Reggio Emilia porterà per la prima volta insieme personalità significative del mondo della medicina, della cooperazione e dell’architettura, superando le tradizionali barriere disciplinari e suggerendo una visione complessiva in cui il paziente, la sua umanità, la cura e la qualità degli spazi debbano essere pensati insieme”. L’iniziativa in programma a Reggio Emilia avviene a seguito del conferimento del Premio Aga Khan Award 2013 al Centro Salam di Cardiochirurgia a Sobo (Khartoum, Sudan), progettato da Tamassociati, studio che curerà il Padiglione italiano alla XV Biennale di Architettura di Venezia. L’iniziativa ha l’obiettivo di costruire consapevolezza oltre la logica dell’emergenza e dell’aiuto umanitario, drammaticamente più necessario che mai secondo le recenti stime della World Health Organization che contano, al marzo 2015, 74,9 milioni di persone destinatarie in 32 paesi del mondo. Quality Design For Health Care Facilities illustrerà le best practice messe in campo da progettisti, attivisti, medici e rappresentanti delle istituzioni che forniscono servizi sanitari di alta qualità e vie praticabili, e sostenibili, nell’ambito della cura e della cooperazione interculturale.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet