Da Bper un prestito solidaleper la palestra di Cavezzo


MODENA, 4 FEB. 2013 – Arriva il Prestito Obbligazionario “Territorio”, una proposta di investimento rivolta a chi desidera contribuire ad attività a forte contenuto etico e sociale senza rinunciare alla remunerazione offerta da una cedola periodica. Da oggi è in collocamento presso tutte le filiali della Banca popolare dell’Emilia RomagnaIl Prestito Obbligazionario “Territorio”, novità assoluta nell’offerta della Banca, si pone come obiettivo quello di raccogliere un fondamentale contributo per la ricostruzione della palestra scolastica comunale di Cavezzo, gravemente danneggiata dagli eventi sismici del maggio 2012. Banca popolare dell’Emilia Romagna parteciperà attivamente alla ricostruzione, devolvendo una somma pari al contributo raccolto con la sottoscrizione del prestito.Attraverso la sottoscrizione dell’investimento, ogni cliente offrirà assieme a Banca popolare dell’Emilia Romagna il proprio contributo, garantendo la ripresa delle attività sociali, educative e ricreative che da sempre ne caratterizzano l’utilizzo. La palestra è indispensabile per le attività di bambini ed adolescenti delle scuole materne, elementari e medie di Cavezzo e per discipline quali pallavolo, basket, calcio, karate.La nuova emissione è per complessivi massimi 10.000.000 di euro ed è previsto il riconoscimento di una percentuale di devoluzione pari allo 0,50% del valore nominale collocato, a favore del Comune di Cavezzo per la ricostruzione della palestra. Il tasso di interesse fisso è del 2,1% annuo lordo, la cedola è semestrale, la durata è di 24 mesi e l’importo minimo di sottoscrizione è di 1.000 euro.“Con questa iniziativa dalle modalità innovative – commenta Giulio Castagnoli, Direttore Commerciale del Gruppo BPER – la nostra banca conferma l’attenzione che fin dal primo giorno ha dedicato al territorio colpito dal sisma, sostenendo con numerose e varie attività le famiglie e le imprese nell’affrontare l’emergenza prima e la ricostruzione e la ripresa poi”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet