Da Boorea un aiuto alla banca dei bambini dell’India


REGGIO EMILIA, 28 APR. 2009 – Metà dei proventi della Grande cena di Boorea (pari a 10.000 euro) sono stati consegnati all’associazione Italianats che si occupa tra l’altro di patrocinare la “Banca dei bambini dell’India”. Per l’occasione nella sede di Boorea sono arrivati in visita, accompagnati da Aldo Prestipino (presidente di Italianats), quattro giovanissimi rappresentanti di AEJT, il movimento nato nel 1994 che si batte per i diritti dei bambini e degli dolescenti lavoratori del Benin.Blanche, domestica, Ferdinand, battelliere, Edwige, sarta, accompagnati da Gilbert, muratore del Burkina Faso, sono delegati di un’associazione che vanta ormai diverse migliaia di aderenti in 28 città del Benin e che si è estesa nel corso degli anni a 21 paesi africani, con grandi risultati ottenuti nel campo della formazione dei ragazzi, del miglioramento delle loro condizioni di lavoro, e nella promozione di misure per la prevenzione sanitaria (di malattie come l’Aids). I quattro ragazzi, nel corso della loro permanenza in Italia, hanno anche partecipato a un seminario dell’Unicef a Roma e a vari incontri in altre città italiane.L’altra metà dell’incasso conseguito dall’ultima Grande Cena di Boorea, organizzata lo scorso dicembre in collaborazione con i Comuni di Correggio e San Martino in Rio e Auser e con il sostegno decisivo di diverse cooperative socie di Boorea, è stato destinato a un progetto di GVC Italia per i bambini disabili in corso di realizzazione a Bac Giang City, in Vietnam.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet